ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Nuove rotte a Malpensa, anche Golasecca non ci sta: “Inquinamento acustico e atmosferico senza precedenti”

Continua la sollevazione popolare nei comuni della brughiera, interessati da due rotte su cui passano metà degli aerei in decollo dall’aeroporto milanese

Un aereo in decollo dall'aeroporto di Milano Malpensa

Un aereo in decollo dall'aeroporto di Milano Malpensa

Golasecca (Varese) – Dopo il Comitato della frazione sommese di Coarezza, anche il Comitato Vivere a Golasecca alza la voce contro le nuove rotte di decollo, oggetto di sperimentazione a Malpensa dal 18 aprile scorso: per il paese l’impatto è pesante. Il comunicato è anche una replica al sindaco di Somma Lombardo Stefano Bellaria che nei giorni scorsi ha sostenuto che le critiche alla sperimentazione in questo momento sono inutili poiché mancano ancora i dati ufficiali da parte di Arpa riguardo al rumore, un primo bilancio potrà essere fatto alla fine di luglio.

Sempre Bellaria ha ribadito che i sindaci sono impegnati a migliorare la situazione non a penalizzare un territorio piuttosto che un altro. Scrive il Comitato di Golasecca : "A Maddalena, Coarezza, Varallo Pombia e Golasecca vengono concentrate due rotte, la 278°e la 308°, in pochi chilometri quadrati vi è un’intensificazione di inquinamento acustico ed atmosferico senza precedenti. Senza considerare che su queste due rotte passa più della metà degli aerei in decollo da Malpensa (avendo sfortunatamente già ottenuto un’ora in più di sorvoli rispetto alla pista di destra), ma veniamo anche disturbati dagli aerei che, non rispettano i piani di volo in decollo dalla pista di destra e giunti a Sesto Calende, decidono di anticipare la virata ripassando di nuovo sulla nostra Valle del Ticino”.

Approfondisci:

Traffico “infernale” nei cieli di Coarezza: “Le nuove rotte di Malpensa un fallimento, situazione intollerabile”

Traffico “infernale” nei cieli di Coarezza: “Le nuove rotte di Malpensa un fallimento, situazione intollerabile”

Pertanto la situazione è insopportabile, impossibile avere tranquillità. Continua il comunicato: “Il sindaco di Somma Bellaria difende a spada tratta una sperimentazione fallimentare fin dalla sua nascita, come è stata ben definita dagli amici del Comitato di Coarezza, che colpisce ed annienta le piccole comunità di Golasecca, Coarezza, Varallo Pombia e Maddalena con i loro antichi e piccoli nuclei abitativi, sempre più in degrado: questa decisione porterà nel medio periodo alla completa cancellazione o snaturamento di questi paesi.Il nostro pensiero va anche agli amici di Maddalena vittime, ancor di più, di questa dannosa sperimentazione che li vede soffocare da entrambe le rotte in decollo (308° e 278°)”.

Critiche sono inoltre rivolte ai sindaci del Cuv (Consorzio urbanistico volontario dei comuni dell’area di Malpensa). Il Comitato Vivere a Golasecca scrive che “siamo desolati poi nel constatare che i sindaci del Cuv abbiano votato all’unanimità la distruzione di ulteriore brughiera per l’ampliamento dell’aerea Cargo. Scelta ritenuta poi inutile e sbagliata dallo stesso Ministero dell’Ambiente, ma che ha permesso di far comparire magicamente ai tavoli delle trattative queste nuove rotte”.

Per il Comitato “I sindaci del territorio dovrebbero preoccuparsi per prima cosa del contenimento del traffico aeroportuale e della sua equa distribuzione del disagio, non di compensazioni o mitigazioni; i sindaci del territorio non devono creare “guerre fra poveri” come è stato fatto con questa fallimentare sperimentazione decisa nelle segrete stanze della Commissione Aeroportuale e difesa a spada tratta dal sindaco di Somma. Siamo invece felici di comunicare che l’amministrazione di Golasecca ha fatto proprie tutte le istanze del nostro comitato e si sia resa disponibile ad intraprendere quelle importanti iniziative da noi proposte, a tutela del nostro paese e che la stessa amministrazione illustrerà alla popolazione il prossimo venerdì 21 giugno alle ore 21”.