Un’anteprima del nuovo look al Terminal 1 di Malpensa
Un’anteprima del nuovo look al Terminal 1 di Malpensa

Malpensa (Varese), 19 aprile 2015 - Taglio del nastro per i nuovi spazi realizzati al Terminal 1 di Malpensa, un restyling da 30 milioni di euro che consegna ai passeggeri un ambiente moderno nel segno dell’eccellenza. Malpensa è pronta con il nuovo look per Expo, che non potrebbe avere miglior biglietto da visita di un’aerostazione rinnovata e ampliata. Lunedì l’inaugurazione, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, del governatore regionale, Roberto Maroni, del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, del presidente di Sea, Pietro Modiano, del presidente di Enac, Vito Riggio, e del sovrintendente del Teatro alla Scala, Alexander Pereira.

Un intervento durato 16 mesi che si è concluso in tempo per Expo e che ha cambiato, rendendolo decisamente più moderno e attraente, l’interno dell’aerostazione, un luogo non solo di passaggio, ma da vivere. Dominano nell’ambiente, il cui progetto architettonico è di Gregorio Caccia Dominioni, i toni del bianco e del grigio e l’acciaio. Altro elemento caratterizzante è l’illuminazione studiata da Cinzia Ferrara. Il cuore del Terminal 1 è ora la nuova galleria commerciale che può essere raggiunta da tutti i passeggeri, Schengen e non: fiori all’occhiello la "piazza del lusso", che ospita le più prestigiose firme della moda, e la "piazza del gusto", mentre il nuovo duty-free da 2.000 metri quadri è uno dei più grandi d’Europa. Complessivamente, il rinnovo e l’ampliamento hanno interessato 23mila metri quadri, e oggi ciò che si presenta davanti agli occhi è uno spazio moderno, luminoso e tutto da vivere da parte del passeggero, che ha solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda lo shopping o la sosta per gustare prodotti di qualità (112 tra negozi, bar e ristoranti). Novità sicuramente gradita ai passeggeri quella che riguarda i filtri agli imbarchi, passati da 14 a 21, e tempi dei controlli così dimezzati.

Modiano, intervenendo a Malpensa per la presentazione di una ricerca sullo shopping di lusso (l’aeroporto è al secondo posto per gli acquisti dopo il quadrilatero della moda di Milano), ha espresso la sua soddisfazione per il risultato: "Nel 1998 Malpensa doveva essere uno degli aeroporti più belli e moderni d’Europa: ci avevamo creduto, ma non è andata. Adesso ci riproviamo". Lunedì a mezzogiorno, dunque, taglio del nastro: Malpensa è pronta per Expo, un biglietto da visita scintillante per i milioni di passeggeri che atterreranno proprio qui, nel cuore della brughiera del Basso Varesotto, prendendo visione anzitutto delle attrattive presenti nella "provincia dei 10 laghi".