Inutili i soccorsi
Inutili i soccorsi

Malpensa (Varese), 12 giugno 2019 - Incidente sul lavoro alle 6, 30 del mattino di mercoledì 12 giugno nell'area cargo dell'aeroporto di Malpensa. Un operario, dipendente della Dhl, ha perso la vita. Si chiamava Maurizio Mazzucchetti e abitava a Ferno. Aveva 49 anni. Mazzucchetti stava lavorando in un magazzino della "Dhl" che si trova nell'area cargo dell'aeroporto di Malpensa, una parte esterna e una interna all'area sterile dello scalo, quando, forse durante una manovra con un muletto, è rimasto schiacciato con la testa, morendo sul colpo. Nonostante i soccorsi non è nemmeno arrivato in ospedale. I rilievi di Polaria sono ancora in corso.

"Vogliamo innanzitutto esprimere il nostro cordoglio e la vicinanza ai familiari ed ai colleghi del lavoratore morto, saranno poi le competenti autorita' a svolgere tutte le opportune indagini e verifiche per definire quali siano state le dinamiche dell'incidente e le responsabilita'. Non possiamo pero' esimerci dal denunciare che ci troviamo di fronte all'ennesimo episodio in cui un lavoratore esce al mattino per andare a lavorare e non rientra piu' a casa". E' quanto si legge in una nota di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti della Lombardia. "Se un lavoratore rimane vittima di un incidente sul lavoro significa che qualcosa nella catena di controllo della sicurezza non ha funzionato come avrebbe dovuto, che si tratti di manutenzione, di formazione o di vigilanza sul rispetto delle norme di sicurezza - continuano i sindacati -. Il numero delle morti sul lavoro in Italia ha raggiunto numeri inaccettabili: oltre 200 dall'inizio dell'anno, segnando un significativo aumento riferito allo stesso periodo del 2018. Non possiamo piu' accettare che questa strage si protragga, nel silenzio quasi totale, come se questo fosse un inevitabile prezzo da pagare". E concludono: "Abbiamo proclamato per la giornata di domani due ore di sciopero a fine turno per tutti i lavoratori di Dhl Express, per esprimere la solidarieta' ai familiari del lavoratore morto e per denunciare le gravi situazioni di insicurezza in cui spesso si trovano a dover operare i lavoratori del trasporto merci e della logistica. Non possiamo rimanere spettatori indifferenti e non lo saremo". 

Anche Dhl Express è vicina alla famiglia del dipendente che, stamane, è rimasto vittima di un tragico incidente nel corso dello svolgimento delle sue mansioni. L'azienda tutta sta collaborando attivamente con le Autorità per far luce sulle dinamiche dell'accaduto e per fornire tutto il supporto possibile alle indagini in corso, nel dovuto e necessario rispetto della riservatezza delle stesse e con l'unico fine dell’accertamento di quanto accaduto.