Folle raid notturno a Luino: auto bruciate e vandalizzate. Identificati i responsabili

Ai tre sospettati i carabinieri sono giunti attraverso i filmati delle telecamere di sorveglianza

Indagini dei carabinieri (Foto archivio)
Indagini dei carabinieri (Foto archivio)

Luino (Varese), 20 maggio 2023 – Un’auto bruciata, una ventina danneggiate tra via Mazzini, via Pellegrini e Piazza San Francesco e un piccolo natante vandalizzato nel vicino Porto Vecchio. Il tutto in una notte, mercoledì 17 maggio 2023. I responsabili del folle raid sono stati individuati e denunciati dai carabinieri.

Ai vandali i carabinieri sono arrivati visionando le diverse telecamere di sorveglianza di case, negozi, locali pubblici e del comune presenti nel centro storico di Luino riuscendo a individuare subito una delle persone. Sui vestiti dell’indagato, un cinquantenne luinese, sono state rinvenute copiose macchie di sangue e frantumi di vetro probabilmente dei finestrini delle automobili danneggiate.

I carabinieri poi hanno identificato altre due persone, un uomo e una donna, anch’esse riprese da diverse telecamere e ritenute responsabili dei danneggiamenti.

Quanto accaduto è ora al vaglio dei magistrati di Varese che, attraverso le diverse prove raccolte comprese le tracce di sangue lasciate dal cinquantenne dovrà valutare le eventuali responsabilità penali. Durante i danneggiamenti ai vetri, infatti, l’uomo si sarebbe provocato delle lesioni agli arti, lasciando così su alcuni veicoli e sull’imbarcazione la propria traccia genetica. Traccia che ora verrà analizzata dai carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche.