ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Raggiravano donne sole e benestanti, restano in carcere i truffatori “insospettabili”

Busto Arsizio, nell’interrogatorio davanti al gip l’infermiere e l’architetto hanno sostenuto che i soldi, oltre un milione di euro, erano stati donati loro dalle presunte vittime

Uno degli arrestati portato in caserma (Frame video)

Uno degli arrestati portato in caserma (Frame video)

Busto Arsizio, 1 settembre 2023 - Restano in carcere i tre uomini arrestati nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza di Varese, accusati di circonvenzione di incapace: avrebbero raggirato due donne, sole, benestanti ma definite dagli inquirenti psicologicamente fragili, sottraendo loro un patrimonio di oltre 1 milione di euro.

Gioacchino Fera, 53 anni, infermiere, Andrea Luraschi, 34 anni, architetto e Giuseppe Santuccione, 46 anni, nella mattinata di ieri comparsi davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia, hanno reso dichiarazioni spontanee, i primi due hanno dato la loro versione dei fatti, sostenendo che i soldi erano stati dati spontaneamente dalle presunte vittime, il terzo, ascoltato per rogatoria in quanto detenuto a Pescara, invece ha rigettato ogni addebito.

Il gip di Busto Arsizio Stefano Colombo ha respinto le istanze di scarcerazione o, in subordine, di attenuazione della misura cautelare presentate dopo l’interrogatorio di garanzia. I tre uomini restano in carcere.