E' di oggi la notizia che Eros Monterosso, uno degli adepti delle Bestie di Satana, la setta che si rese responsabile di diversi omicidi fra la fine degli anni '90 e l'inizio di questo secolo, ha potuto accedere all'affidamento in prova, assegnato a un ufficio del tribunale di Pavia, la città dove ha trascorso l'ultimo periodo di detenzione (è stato condannato in via definitiva a 27 anni e 3 mesi). Ma che fine hanno fatto gli altri componenti del gruppo di adoratori del demonio (o sedicenti tali) che imperversarono nei boschi del Varesotto, appassionati di heavy metal e dedite alle droghe che si trasformarono in brutali assassini?

  1. Andrea Volpe
  2. Mario Maccione
  3. Elisabetta Ballarin
  4. Nicola Sapone
  5. Paolo Leoni

Andrea Volpe

Considerato una delle personalità principali del gruppo (ma non un leader), ha scontato 16 dei 20 anni di carcere a cui era stato condannato in via definitiva (pena ridotta in appello). E' di qualche mese fa la notizia della conclusione del suo percorso di studi: Volpe, che oggi ha 45 anni, ha frequentato il corso di laurea in Scienze filosofiche e dell'educazione. In carcere ha abbracciato la fede e si è convertito al cattolicesimo. Abita nel Ferrarese, la zona in cui ha terminato il suo periodo di detenzione.

Mario Maccione

Soprannominato "Ferocity", era considerato il medium della setta. E' libero dall'ottobre del 2017 e ha scritto un libro in cui racconta la sua storia all'interno del gruppo. Significativo il titolo: "L'inferno tra le mie mani".

Elisabetta Ballarin

L'ex fidanzata di Andrea Volpe, che durante il processo rivelò come fosse stata plagiata dal compagno al punto di venire convinta a partecipare all'omicidio di Mariangela Pezzotta, delitto che portò alla scoperta delle malefatte della setta, ha completamente cambiato vita. Si è laureata in Didattica dell'arte mentre era ancora dietro le sbarre, dove ha avuto anche un'esperienza come redattrice nel giornalino del carcere. Nel novembre del 2020 lavorava in un ristorante nel Bresciano. Per lei ha avuto parole di perdone e compassione Silvio Pezzotta, il papà di Mariangela: "Anche lei è una vittima delle bestie di Satana".

Nicola Sapone

E' considerato fra i capi della setta. Anzi, nelle testimonianze processuali emerse come fosse stato lui, l'idraulico di Dairago, a "costringere" Andrea ed Elisabetta a uccidere Mariangela. "Fatelo voi sennò lo dovrò fare io", queste le sue parole secondo quanto affermato da Volpe. "Onussen", questo il suo nome nella setta, è una delle Bestie che ha ricevuto la pena più pesante. Doppio ergastolo. In carcere studia Filosofia e continua a proclamarsi innocente.

Paolo Leoni

Soprannominato Ozzy, come il cantante dei Black Sabbath Ozzy Osbourne, sarebbe stato lui l'ideologo del gruppo, quello più esperto di satanismo e affari demoniaci. Non ha partecipato direttamente ad alcun omicidio, ma è stato condannato all'ergastolo proprio per il suo ruolo di "mentore" della setta. Detenuto a Sanremo, in carcere fa il falegname - costruisce infissi - e si dedica al rap. Ha cambiato gusti musicali, quindi, rispetto al suo passato satanico. Ha fatto ricorso alla Corte dei diritti dell'uomo per chiedere la revisione del processo, senza successo.