Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 feb 2022

Altri due evasi? "Mancano gli agenti"

Varese, la fuga di due detenuti italiani di 50 e 35 anni dal carcere dei Miogni scatena le proteste del sindacato

15 feb 2022
rosella formenti
Cronaca
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria
Sos del sindacato:. interventi urgenti per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria

di Rosella Formenti "Non c’è tempo da perdere, servono con urgenza interventi per riorganizzare il sistema penitenziario e per rafforzare l’organico degli agenti di Polizia penitenziaria": sono parole di Pierpaolo Giacovazzo, segretario provinciale di Uilpa Pol. Pen. di Varese, pronunciate ieri pomeriggio dopo l’evasione di due detenuti dal carcere dei Miogni a Varese. Anthony Ragona, 35 anni e Roberto Nardello, 50 anni, entrambi alle spalle reati contro il patrimonio, rapina e furto avrebbero scavalcato il muro di cinta riuscendo ad allontanarsi. Subito sono state attivate le ricerche in tutto il territorio, impegnati agenti della polizia penitenziaria, della questura di Varese, i carabinieri, la guardia di finanza, allertata anche la Polfer per i controlli sulle tratte ferroviarie, monitorate anche le vie d’accesso ai valichi con la Svizzera. Sempre a febbraio ma nove anni fa, nel 2013, dai Miogni erano riusciti ad evadere tre rumeni. "L’evasione ci mette davanti al fallimento del sistema penitenziario di cui noi agenti sentiamo tutto il peso – fa rilevare Giacovazzo – siamo stanchi di sollecitare attenzione, di chiedere interventi, non siamo ascoltati, noi agenti lavoriamo in condizioni che peggiorano sempre di più, aumentano le aggressioni nei nostri confronti, inoltre c’è la presenza di detenuti con problemi psichiatrici che andrebbero trattati in strutture adeguate che non hanno però posti sufficienti". L’organico ai Miogni è sottodimensionato, problema comune a tutte le strutture carcerarie italiane, attualmente sono in servizio 60 agenti, ma la pianta organica richiederebbe altre 20 unità, 80 sono i detenuti. Ma il carcere varesino è anche un edificio datato e soffre di carenze strutturali. L’evasione di San Valentino dei due detenuti a Varese è diventata un caso nazionale e ha riportato l’attenzione sui problemi da risolvere, più volte sollevati dai sindacati. "Ormai le carceri italiane fanno acqua da tutte le parti – commenta Aldo Di Giacomo segretario ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?