Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Morto Robert Morse: addio a Bertram Cooper di Mad Men

Aveva 90 anni. Nella iconica serie statunitense era stato il capo dell'agenzia pubblicitaria Sterling Cooper

LOS ANGELES, CA - MARCH 25: Actor Robert Morse attends the AMC celebration of the final 7 episodes of "Mad Men" with the Black & Red Ball at the Dorothy Chandler Pavilion on March 25, 2015 in Los Angeles, California.   Jason Merritt/Getty Images/AFP (Photo by Jason Merritt / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / Getty Images via AFP)
Robert Morse

Los Angeles - Lutto nel mondo dello spettacolo. Si è spento a 90 anni l'attore statunitense Robert Morse. Volto popolare del piccolo schermo era stato uno dei protagonisti della iconica serie "Mad Men" (2007-2015). In "Mad men", che segue le vicende di una agenzia pubblicitaria di New York tra gli Anni Sessanta e Settanta, Morse aveva rivestito il ruolo di Bertram Cooper, eccentrico capo della mitica Sterling Cooper. "Il mio buon amico Bobby Morse è morto all'età di 90 anni - ha scritto su Twitter lo scrittore, produttore e vice presidente del consiglio direttivo dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences Larry Karaszewski - Era un enorme talento e un bellissimo spirito. Mandiamo amore a suo figlio Charlie e alla figlia Allyn. Mi sono divertito tanto con Bobby nel corso degli anni". 

Attore teatrale premiato con il Tony Award, di cinema e tv, Robert Morse fece il suo debutto sul grande schermo nel 1956 con il film "Anche gli eroi piangono". È stato protagonista di numerosi film e serie tv, ma il successo gli arrivato grazie alle diverse performance sul palco di Broadway, tra cui "The Matchmaker", spettacolo di cui nel 1958 venne girata la versione cinematografica dal titolo "Bella, affettuosa, illibata cercasi..." Un altro suo successo di Browadway è stato lo show "How to succeed in business without really trying" e anche da questo spettacolo fu tratto il film "Come far carriera senza lavorare" del 1967. 

Per quanto riguarda il grande schermo, tra i film in cui Morse prese parte "Il cardinale" (1965) di Otto Preminger, "Hotel delle vergini" (1964) di Henry Levin, "Ragazze sotto zero" (1964) di Delbert Mann, "Il caro estinto" (1965) di Tony Richardson, "Una guida per l'uomo sposato" (1967) di Gene Kelly e "Che cosa hai fatto quando siamo rimasti al buio?"(1968). Dalla fine degli '60 Morse si dedicò principalmente al piccolo schermo alternando apparizioni in serie e tv-movie, come "That's life", "Jack Frost", "Hazzard", "La signora in giallo", "Ai confini della realtà", "Le avventure di Superman", "City of angels". Dopo il grande successo nella serie televisiva "Mad Men", tra gli ultimi lavori a cui ha preso parte ci sono le serie "American Crime Story" (2016) e "Teen Titans Go!" (2015-2017).  

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?