Emanuele Piasini, titolare Webtek
Emanuele Piasini, titolare Webtek

Poggiridenti, 28 febbraio 2017 - I più fuggono, ma c’è anche chi, mosca bianca, resta, contribuendo con il proprio lavoro a far crescere la terra d’origine. Tra i giovani che hanno deciso di rimanere in Valtellina, Emanuele Piasini, di Poggiridenti, ha fatto qualcosa in più. Insieme al suo team, ha trasformato l’amore per il Web in un business che oggi vanta contatti in tutto il mondo e dà lavoro a oltre 20 collaboratori, tutti giovani. «L’età media è inferiore ai 30 anni, il più vecchio supera di poco i 40», spiega il ragazzo, classe 1985, che, dopo il diploma di ragioniere, ha deciso di investire in Valtellina. «Scommessa vinta, stiamo crescendo molto bene», commenta.

La Webtek a Poggiridenti

Nel 2008 si messo in proprio, fondando a Poggi la sua «Webtek» che si occupa di sviluppo Web e di grafica a 360°, con il motto «Scegli quanto far crescere il tuo business». Prima di iniziare, «non avevo in mano nulla, nemmeno l’ufficio», confessa. Ha investito mille euro. I mille euro meglio spesi, viene da dire: gli ingranaggi ben oliati da un forte spirito di iniziativa hanno iniziato subito a girare nel verso giusto e, nell’arco di 8 anni, la ditta è passata da individuale a srl a spa. Oggi, l’organico, in continua espansione, annovera professionalità eterogenee, dal programmatore senior con maturata esperienza al 20enne appassionato. «Nel nostro campo, non serve lo scienziato, si lavora per passione - spiega -. Ogni assunzione è stata fatta cercando il meglio sulla piazza, anche oltre i confini provinciali. Abbiamo infatti ragazzi di Genova, Trieste, Bergamo. Ognuno ha un preciso compito. Il nostro maggior vantaggio è seguire la filiera a tutto tondo, attraverso i quattro reparti interni: grafico, contenutistico-comunicazione, Web (siti, app e crm gestionali), e Seo posizionamento-pubblicità».

I clienti, che superano il migliaio, sono distribuiti non solo su tutto il territorio nazionale, ma anche in Svizzera, Germania e nel resto del mondo, in Paesi quali il Brasile. «L’80% del fatturato lo facciamo fuori dalla Valle - aggiunge - ma l’ultima acquisizione della ditta Andytimes, staff compreso, ci ha permesso di implementare anche i clienti in provincia, soprattutto a Livigno dove ne abbiamo oltre 100 e vogliamo creare una piccola sede distaccata (ce n’è già una a Milano)». «Tengo molto al mio team - conclude -. Per noi è importante fare gruppo, siamo anglosassoni nello stile. Cerchiamo di essere sempre più avanzati e al passo coi tempi consolidando i clienti e crescendo in maniera ponderata».