Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

"Un contenitore vuoto. Per ora"

Morbegno, inaugurato da Letizia Moratti l’Ospedale di Comunità ma i sindaci frenano sui trionfalismi

michele pusterla
Cronaca
featured image
L'inaugurazione della Casa di Comunità

Inaugurati ieri l’Ospedale di Comunità di Morbegno e le Case di Comunità di Bormio e Livigno. La vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, ha fatto tappa in Valtellina per tagliare il nastro alle strutture sanitarie. A seguire, la vice di Fontana ha tenuto a battesimo i nuovi posti letto dell’Hospice di Morbegno realizzati grazie al contributo dell’associazione Cancro Primo Aiuto Onlus.

"La giornata di oggi ha un significato davvero importante perché - ha spiegato la vicepresidente Moratti - ci troviamo a inaugurare una serie di strutture attese dal territorio, che vanno a rafforzare e a rendere ancora più qualificato un servizio in un’area geografica particolare e importante come la Valtellina". "Morbegno - ha proseguito Moratti - è sempre più un concreto punto di riferimento sanitario per la Bassa Valle che, grazie all’Ospedale di Comunità e all’Hospice, che inauguriamo, offre servizi ancora più mirati".

L’Ospedale di Comunità è una struttura sanitaria di ricovero di cure intermedie, destinata a ricoveri brevi per pazienti che hanno bisogno di interventi sanitari a bassa intensità clinica. Contribuisce a fornire cure più appropriate riducendo, ad esempio, gli accessi impropri al Pronto Soccorso o ad altri servizi sanitari. Nella struttura sono presenti 15 posti letto distribuiti in 7 camere di degenza doppie con bagno e 1 camera di degenza singola con bagno. Il personale è formato - al momento sulla carta - da 17 unità tra medico, infermieri, fisioterapista e Oss.

"Arredato, completato - rileva a fine cerimonia il sindaco di Morbegno, Alberto Gavazzi - ora attendiamo che l’ospedale di Comunità venga attivato. Al momento è vuoto. Ci dicono che fra due mesi ci saranno gli operatori sanitari. Ricordo la carenza di personale". "La struttura - aggiunge il collega di Talamona, Davide Menegola - è interessante. Ma serve il personale per aprirlo: adesso manca".

Il sindaco di Teglio, nonchè presidente della Provincia, Elio Moretti, il primo cittadino di Traona, Cosio Valtellino, quello di Val Masino, e altri preferiscono non rilasciare dichiarazioni. Il senatore morbegnese di Iv, Mauro Del Barba: "Speriamo che questa struttura rappresenti un’inversione di tendenza della sanità lombarda del taglia, cuce e spende, ma che fatica a dare un’organizzazione solida ai territori periferici e di montagna. A Morbegno Enaip, con Cri, ha avviato un corso di formazione per Oss: un tentativo di invertire la rotta ? Speriamo".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?