PREMIO PAOLO CEREDA A LECCO: Concorso tra studenti su come tornare liberi

Studenti delle scuole lecchesi invitati a riflettere sui percorsi di ragazzi e ragazze che scelgono di uscire dalle famiglie mafiose. Premio Paolo Cereda promosso da Libera, Fondazione comunitaria del Lecchese e Ufficio scolastico provinciale. Elaborati scritti e artistici in palio 5 contributi economici.

Premio Paolo Cereda. Concorso tra studenti su come tornare liberi

Premio Paolo Cereda. Concorso tra studenti su come tornare liberi

Quando i ragazzi sono liberi di scegliere. È il tema della sesta edizione del bando “Premio Paolo Cereda“, referente provinciale dell’associazione Libera contro le mafie, oltre che papà del collega giornalista Luca, scomparso a settembre 2017 a 54 anni. L’iniziativa è rivolta agli studenti. È promossa da Libera, con i responsabili della Fondazione comunitaria del Lecchese e il provveditore dell’Ufficio scolastico provinciale. "Si chiede loro di riflettere, nei loro elaborati, su quei percorsi di ragazzi e ragazze nati in famiglie mafiose ma che scelgono di uscirne – spiegano da Libera –. Il compito sarà provare a immedesimarsi nei giovani che riescono a liberarsi. L’obiettivo è ricordare il valore della battaglia per la legalità. Si possono presentare elaborati scritti e artistici. In palio 5 contributi economici". D.D.S.