Poggiridenti, maestra insegna 31 anni all’asilo comunale e fa crescere mille bambini: il Comune le dà la cittadinanza onoraria

Oltre duecentocinquanta persone alla festa organizzata per Augusta Masa. Mostra di fotografie ripercorre tre decenni di impegno e di volti del paese della sponda retica

La maestra Augusta Masa fra il sindaco e il vice, Giovanni Piasini e Andrea Parolo

La maestra Augusta Masa fra il sindaco e il vice, Giovanni Piasini e Andrea Parolo

“A tutti i miei bambini di Chiesa in Valmalenco e di Poggiridenti ho lasciato una parte del mio cuore". Venerdì è stata la serata per l’amata maestra Augusta Masa nel paese della sponda retica. Un grande appuntamento che ha richiamato nella palestra delle scuole elementari oltre 250 persone per un appuntamento di emozioni e di ricordi. L’incontro è stato voluto dall’amministrazione del sindaco Giovanni Piasini che ha conferito la cittadinanza onoraria all’insegnante in quiescenza per i suoi 31 anni di impegno a Poggiridenti (1984-2015). Per l’occasione è stata allestita una mostra di fotografie che sarà aperta anche nella giornata di oggi dalle 14,30 alle 18,30. Immagini di bambini di oggi e di ieri che hanno calamitato i protagonisti, i genitori e i nonni.

La maestra d’asilo ha ricordato il suo primo giorno di lavoro a Poggiridenti con il saluto e il sorriso di una signora nei pressi della scuola. "Questo mi porterà fortuna - ha rammentato l’insegnante - e così è stato". Visto l’affetto che la popolazione le ha dimostrato. A metà serata dalla sala un giovane ha urlato: "Ti vogliamo bene maestra" e poi a seguire un lungo e caloroso applauso.

Il sindaco Piasini ha condotto l’incontro che si è aperto con la proiezione di 240 slide di storia di Poggi. C’erano alunni nei vigneti dell’Inferno, piuttosto che all’esterno della chiesa della Madonna del lavoro, bambini a tavola a mangiare la pizza al ristorante Pendolasco, allora locale di Nerino Panetta. Il sindaco ha letto il curriculum della festeggiata. Nata a Chiesa nel 1954, "sognava di fare la maestra e curava i bambini dei villeggianti", poi gli studi a Sondrio al Pio XII, i primi incarichi nel paese natale e nella frazione Curlo. Fino al 1984 con l’arrivo a Poggiridenti. Si stima abbia fatto crescere mille bambini.

La dirigente scolastica Ombretta Meago, nel salutarla, ha lodato la sua "forte empatia e passione". La maestra ha ringraziato tutti, dalle ex colleghe ai genitori, rammentando i "tanti bambini birichini, le bambine maschiaccio", fino agli alunni malenchi. Il sindaco ha letto l’atto con il quale è stata conferita la cittadinanza per poi consegnarle una pergamena e un gagliardetto e l’ha ringraziata "per la passione e l’umanità". In chiusura una bambina le ha consegnato un mazzo di fiori. Per la mostra sono state raccolte 400 foto, esposte 250, che diventeranno cd per regalare un ricordo ai bambini di oggi e di ieri cresciuti grazie alla maestra Masa.