FULVIO D’ERI
Cronaca

Pensionati Coldiretti; al vertice c’è Walter Raschetti

Ha al suo attivo un’esperienza quarantennale al Consorzio Agrario ed è stato presidente per tre lustri del Parco delle Orobie valtellinesi

Pensionati Coldiretti  Al vertice c’è Raschetti

Pensionati Coldiretti Al vertice c’è Raschetti

Walter Raschetti è il nuovo presidente dei pensionati Coldiretti della provincia di Sondrio. Classe 1956, una vita dedicata all’agricoltura, Raschetti è stato eletto nei giorni scorsi ai vertici dell’associazione provinciale di Coldiretti Senior, il movimento degli anziani della più rappresentativa organizzazione agricola valtellinese e chiavennasca.

È stato eletto all’unanimità a Sondrio, al termine di un’assemblea molto partecipata (in piazzale Bertacchi, sede del mercato agricolo coperto) che è proseguita con un incontro sui temi della salute e della sicurezza collegati alla terza età, con la partecipazione e le relazioni di esperti e di rappresentanti della Polizia di Stato. Raschetti succede a Franca Sertore, che la dirigenza e la struttura Coldiretti ha voluto ringraziare per il grande lavoro svolto negli ultimi anni nel duplice ruolo di guida provinciale e regionale dell’associazione che riunisce i pensionati Coldiretti. Walter Raschetti ha al suo attivo un’esperienza quarantennale presso il Consorzio Agrario: una carriera che ha chiuso in veste di funzionario e che ha affiancato, per quindici anni, al ruolo di presidente del Parco Regionale delle Orobie valtellinesi, dal 2005 al 2020.

"Ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata – ha detto Raschetti in assemblea – è per me un grande onore poter ricoprire questo incarico. Mi impegno fin da subito a lavorare con il nuovo Consiglio direttivo per supportare diritti e alle istanze degli agricoltori in pensione e garantire condivisione e supporto alle battaglie della Coldiretti. La nostra generazione sente forte il compito di trasmettere ai giovani il valore del nostro lavoro ed è per questo che dobbiamo batterci insieme a loro, per prima cosa, per avere regole comuni e condivise a livello europeo contro ogni possibilità di concorrenza sleale". "I nostri senior - ha rimarcato il direttore di Coldiretti Sondrio Giancarlo Virgilio - sono l’esempio vivente di un’esperienza al servizio della società civile e dell’agricoltura dell’oggi. Per conciliare innovazione e tradizione occorre partire dalla memoria".