MI.PU.
Cronaca

Sondrio, natura a rischio: concorso fotografico per giovani sui danni dell'uomo

Un’iniziativa aperta a tutti i giovani fino a 21 anni. Scatta una foto sulla natura e i danni che l'uomo le sta causando, inviala entro il 30 settembre e partecipa alla mostra itinerante. Montepremi: 500, 300, 150 e 50 euro

Cerbiatti

Cerbiatti

Sono aperte ancora, sino a fine mese, le iscrizioni, per tutti i giovani d’Italia fino a 21 anni di età, per partecipare al concorso fotografico “Noi siamo la natura“, in memoria di Matteo Chiesa giovane studente-fotografo della provincia di Bergamo - morto per l’improvviso aggravarsi di una rara leucemia - che amava la natura e sognava di proteggerla dalle insidie dei giorni nostri.

Il concorso è organizzato dall’associazione “Matteo Chiesa Odv“ nata in sua memoria, evento promosso in collaborazione con altre associazioni fotografiche e culturali sensibili alle problematgiche ambientali. Il concorso è aperto a tutti i giovani sul tema: fotografa la natura nelle sue bellezze e sui danni che l’uomo le sta apportando, con qualsiasi mezzo a tua disposizione, intitolando l’opera e inviandola entro il 30 settembre con domanda di iscrizione compilata alla mail info@associazionematteochiesa.it 

Il bando completo, con le regole del concorso, sono scaricabili dai sito www.associazionematteochiesa.it e il montepremi è costituito da un buono spesa spendibile in un negozio di foto ottica: il primo premio per un valore di 500 euro, il secondo per un valore di 300 euro e il terzo per un valore di 150 e il quarto, infine, per 50.

"Le fotografie - spiega Fabio Chiesa, papà di Matteo e fondatore dell’associazione - dei ragazzi verranno esposte in una mostra fotografica itinerante perchè la fotografia è un’espressione e perchè gli adulti possano osservare alcuni esempi dei danni, immortalati dai ragazzi mediante le loro opere".