Ilaria Capponi incanta gli studenti dell’Istituto Saraceno Romegialli di Morbegno. Quello con la modella ed ex cestista umbra Ilaria Capponi (foto), classe 1990, è stato uno degli incontri a distanza più interessanti tra quelli organizzati finora dall’attivissimo professor Christian Ronconi, nell’ambito di una serie di lezioni a tema “Donne e Sport” che...

Ilaria Capponi incanta gli studenti dell’Istituto Saraceno Romegialli di Morbegno. Quello con la modella ed ex cestista umbra Ilaria Capponi (foto), classe 1990, è stato uno degli incontri a distanza più interessanti tra quelli organizzati finora dall’attivissimo professor Christian Ronconi, nell’ambito di una serie di lezioni a tema “Donne e Sport” che hanno trovato il consenso e la partecipazione attiva degli studenti di alcune classi del Saraceno Romegialli. Tutto è nato in tempo di DAD (Didattica A Distanza) quando i professori più lungimiranti hanno estratto dal cilindro il classico “coniglio” per rendere più interessanti le lezioni e coinvolgere maggiormente gli studenti.

Nel corso della lezione con Ilaria Capponi si è affrontata una tematica sempre più dilagante nel mondo delle adolescenti come quella relativa ai disturbi alimentari. Taglie sempre più piccole e regimi alimentari ristrettissimi. Il risultato? Sempre più spesso è l’insorgere di gravi disturbi alimentari tra ragazze e ragazzi che sognano una carriera in passerella o che vogliono solo apparire. La bellissima mattinata con Capponi è stata seguita dalle classi 2ª, 3ª e 5ª dell’indirizzo Produzione Tessile Sartoriale e dalla quinta dell’indirizzo Servizi Socio Sanitari dell’istituto scolastico morbegnese. Un modo alternativo di fare didattica a distanza anche in Scienze motorie che sta dando buonissimo frutti e che continuerà anche in futuro. "La modella ha parlato a studentesse e studenti del disturbo alimentare della bulimia che l’ha colpita nel periodo della adolescenza - dice Ronconi – e l’ha fatto con grande sincerità e trasporto. Ha spiegato ai ragazzi come lo sport, nel suo caso la pallacanestro dove è stata atleta di A1 con Viterbo, e le persone care l’abbiano aiutata cambiandole di fatto la vita, in meglio". F.D’E.