Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

Accoltellata dall’ex, indagini chiuse

Agnosine, processo vicino per il marito della 46enne. L’accusa: omicidio aggravato da premeditazione

beatrice raspa
Cronaca
Giuseppina Di Luca, 46 anni uccisa a coltellate dall’ex marito lo scorso 13 settembre
Giuseppina Di Luca, 46 anni uccisa a coltellate dall’ex marito lo scorso 13 settembre
Giuseppina Di Luca, 46 anni uccisa a coltellate dall’ex marito lo scorso 13 settembre

di Beatrice Raspa Il caso del femmincidio di Giuseppina di Luca, la 46enne di Agnosine che lo scorso 13 settembre era stata aggredita a coltellate dall’ex marito, sta per approdare in tribunale. La procura ha chiuso le indagini a carico di Paolo Vecchia e si avvia a chiedere il processo. Omicidio aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dal vincolo di parentela con la vittima sono i reati che le pm Carlotta Bernardini e Benedetta Callea contestano al 52enne di Sabbio Chiese, reo confesso e in carcere da subito. Un delitto esploso dall’incapacità dell’uomo di accettare la separazione voluta dalla madre delle sue due figlie di 21 e 24 anni, con cui era stato sposato per 26 anni. ‘Giusy’, come la chiamavano tutti, operaia alla Cominotti di Agnosine, a inizio agosto aveva infatti deciso di interrompere quella relazione ormai logora. Una scelta travagliata e oggetto di infinite discussioni con il marito, che non si dava pace e continuava a seguirla per farla tornare sui suoi passi. Stando a colleghi e agli amici Vecchia era ossessionato, era sprofondato in un tunnel di rivendicazioni e depressione. In un mese era ingrassato dieci chili. A qualcuno aveva anche confidato che l’avrebbe fatta pagare a Giusy, ma le sue dichiarazioni erano apparse a tutti solo un sfogo. Finché i primi giorni di settembre il 52enne non ha ricevuto la lettera con la richiesta di separazione inviata dai legali della moglie. Un atto che ha ufficializzato una realtà da lui percepita come irrevocabile. Così la mattina del 13 settembre – un lunedì – Vecchia è uscito dall’abitazione di Sabbio dove fino a poche settimane prima aveva vissuto con Giusy e le figlie e si è recato ad Agnosine, in via Matteotti, da lei. In tasca, un coltello a serramanico e un pugnale. Ha atteso sul pianerottolo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?