Roma, 27 gennaio 2021 - Chiuso il primo giorno di consultazioni, con i presidenti di Camera e Senato che hanno incontrato il presidente Mattarella al Quirinale, ecco Matteo Renzi che spiega i motivi che hanno portato Italia Viva ad aprire la crisi di Governo. "L'Italia si sta giocando l'osso del collo: prima che una crisi politica, c'è una crisi economica, sanitaria ed educativa senza precedenti", le parole del leader di Italia Viva in un video su Facebook. "Il Pil ha un crollo che non ha eguali nella storia repubblicana", ha aggiunto, sottolineando che però "si può ripartire, ci sono le condizioni: l'Europa ha messo 209 miliardi a disposizione. O decidiamo adesso di spendere i soldi o tra un anno sarà troppo tardi. E' chiaro perché stiamo chiedendo una svolta nella politica economica del Paese e non dare soldi a pioggia in mance e marchette come quelle che ci sono state anche recentemente?". 

Per quanto riguarda l'emergenza sanitaria, "bisogna sistemare definitivamente la questione dei vaccini. Bisogna sistemare la questione delle primule, che sono come i banchi a rotelle: non servono a niente. Si sono buttati dalla finestra 400 milioni per i banchi a rotelle e allo stesso modo non serve la primula. La terza emergenza forse la prima è quella educativa: siamo il Paese che ha perso più giorni di scuola in Europa. La crisi economica, la crisi sanitaria e la crisi educativa vedono l'Italia purtroppo agli ultimi posti". Oggi che Mattarella ha cominciato le consultazioni e nell'augurare buon lavoro al presidente, ha concluso, è necessario "chiarire perché la crisi si è aperta oggi. Era proprio necessario aprire la crisi proprio adesso? Proprio adesso si gioca il futuro del Paese. O risolviamo le questioni aperte adesso o condanniamo i nostri figli e nipoti a vivere nel declino più totale".

All'ex segretario Pd ha replicato M5S: "Prendiamo atto che Matteo Renzi è tornato ad avere lo stesso atteggiamento che ha portato a una crisi incomprensibile e scellerata. La complessità e delicatezza dell'attuale fase politica dovrebbe richiamare tutte le forze politiche alla responsabilità, per il bene dei cittadini italiani. Un comportamento che il Movimento 5 Stelle sta tenendo, insieme ad altre forze politiche. Evidentemente a tutto questo il senatore di Italia Viva non è interessato".