Operaio portato al Niguarda. Investito da una fiammata. Ustionato a volto e braccia

Stava caricando delle polveri all’interno di un reattore nello stabilimento Bernett

Operaio portato al Niguarda. Investito da una fiammata. Ustionato a volto e braccia

L’uomo di 54 anni è stato trasferito con l’elisoccorso del Centro grandi ustionati dell’ospedale Niguarda di Milano (Sacchiero)

Un ritorno di fiamma lo ha investito mentre stava lavorando e gli ha provocato diverse ustioni. Vittima dell’incidente sul lavoro, avvenuto ieri mattina alla Bernett di Palestro in via Robbio, una azienda da opera nel settore dei preparati farmaceutici, è un operaio di 54 anni che è stato trasferito con l’elisoccorso del Centro grandi ustionati dell’ospedale Niguarda di Milano. L’uomo è stato ricoverato in codice giallo e non è in pericolo di vita. Ma avrà bisogno di tempo per recuperare dai danni procurati dal fuoco. L’infortunio sul lavoro è avvenuto poco prima delle 9 di ieri mattina in un’area dell’azienda. Secondo le risultanze delle prime ricostruzioni dell’accaduto l’uomo stava caricando delle polveri all’interno di un reattore: lì si sarebbe generato un ritorno di fiamma che lo ha investito, procurandogli delle ustioni al viso e alle braccia.

L’allarme è stato immediato e sul posto è intervenuto, con i carabinieri di Robbio, il personale medico del 118 che gli ha prestato le prime cure. Poi, in ragione del quadro clinico e della tipologia delle lesioni riportate, ha deciso per il trasferimento diretto al Centro grandi ustionati dell’ospedale Niguarda di Milano, il centro di riferimento per l’intera Lombardia per questo genere di problematiche, dove è giunto con l’elisoccorso e ricoverato in codice giallo. Come avviene di norma in casi di infortuni sul lavoro sul posto sono arrivati anche gli ispettore della Ats di Pavia: saranno loro a raccogliere gli elementi utili alla ricostruzione dell’esatta dinamica dell’infortunio, verificare l’avvenuto rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e, nel caso, stabilire se esistono responsabilità e carico di chi sono. Quello di ieri è il secondo infortunio sul lavoro registrato in Lomellina, per altro nella stessa zona, nell’arco di appena due giorni. Lunedì mattina infatti a Robbio, un operaio di 54 anni che stava operando con un piccolo escavatore, si è procurato una profonda ferita al dito di una mani che ha richiesto il trasporto al Pronto soccorso dell’ospedale di Vigevano dove l’uomo è stato ricoverato in codice giallo. Anche in questa circostanza sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri ed il personale tecnico della Ats di Pavia per effettuare tutti i rilievi del caso.