Non accettava la gravidanza. Stalker in cella

Una donna incinta di 27 anni di Pavia ha denunciato il suo ex fidanzato di 28 anni per maltrattamenti e persecuzioni. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri e accusato di reati simili in passato. La gravidanza ha spinto la donna a chiedere aiuto per la sua sicurezza e quella del nascituro.

Non accettava la gravidanza. Stalker in cella
Non accettava la gravidanza. Stalker in cella

Finché i maltrattamenti li subiva solo lei, li ha sopportati per anni. Ma la gravidanza le ha fatto cambiare prospettiva e per la sicurezza sia propria sia del nascituro si è convinta a chiedere aiuto. E ha fatto arrestare dai carabinieri quello che ormai era diventato l’ex fidanzato. Lei ha 27 anni, è di Pavia e da poche settimane aveva saputo di essere incinta. Ma quando l’ha detto al fidanzato, la situazione è precipitata. Lui ha 28 anni, risiede a Linarolo ed è stato portato nel carcere pavese di Torre del Gallo con le ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

"Non accettando la situazione – riferiscono i carabinieri – ha cominciato a perseguitare la ragazza, anche dopo che la vittima ha interrotto la relazione alcuni giorni fa". L’epilogo purtroppo prevedibile di una relazione iniziata nel 2021 ma già macchiata da maltrattamenti, psicologici e verbali ma anche fisici, emersi solo ora anche se precedenti. Il 28enne è peraltro già noto alle forze dell’ordine per vicende di altro tipo.

"È stato arrestato in flagranza differita – spiegano ancora i carabinieri – l’istituto giuridico recentemente esteso ai cosiddetti casi di Codice rosso, in seguito alla denuncia presentata dalla fidanzata". Il rifiuto della gravidanza da parte dell’uomo lo ha infatti portato ad aumentare i maltrattamenti e poi, quando è stato lasciato, ha iniziato a perseguitarla telefonicamente. "I carabinieri della Stazione di Pavia hanno quindi rintracciato l’uomo mentre continuava nella condotta persecutoria, arrestandolo e portandolo in prigione a disposizione dell’autorità giudiziaria".

S.Z.