Quotidiano Nazionale logo
29 gen 2022

Gigi Bici ucciso, la fisioterapista resta in cella

Respinta l’istanza di scarcerazione per la Pasetti, l’avvocato ricorrerà al Riesame. Il titolare del bar che frequentava il 60enne: aiutava tutti

manuela marziani
Cronaca
Sopra, Antonio Pellegrino titolare del bar Gorizia, vide Gigi l’ultima volta il 6 novembre. (Torres)
Sopra, Antonio Pellegrino titolare del bar Gorizia, vide Gigi l’ultima volta il 6 novembre. (Torres)
Sopra, Antonio Pellegrino titolare del bar Gorizia, vide Gigi l’ultima volta il 6 novembre. (Torres)

di Manuela Marziani Resta in carcere. Il giudice non ha creduto alla 44enne fisioterapista Barbara Pasetti, a quel suo insistere nel definirsi "mero messaggero" del tentativo di estorsione alla famiglia di Luigi Criscuolo, detto “Gigi Bici”, negoziante di biciclette scomparso da casa l’8 novembre e trovato cadavere, con un colpo di pistola alla tempia, proprio davanti alla casa della donna di Calignano frazione di Cura Carpignano. Il gip ha respinto (per i gravi indizi di colpevolezza) l’istanza di revoca della misura cautelare o gli arresti domiciliari, cui si era appellato il suo avvocato Irene Anrò la quale ora presenterà un ricorso al tribunale del Riesame. Nel frattempo emergono altri particolari e altre testimonianze. "Gigi era più di un cliente, era un amico che frequentava il mio locale da tanti anni. Quasi tutti i giorni passava di qui" racconta Antonio Pellegrino, titolare del bar Gorizia di Pavia. Il barista aveva visto Luigi Criscuolo due giorni prima della scomparsa, il 6 novembre. Era passato dal bar attorno alle 9,30 e aveva bevuto un caffè senza dire nulla. Contrariamente al solito appariva preoccupato. "Gigi Bici era una persona che aiutava la gente – aggiunge Pellegrino -. Mi ha sempre detto: "Se hai dei problemi con qualcuno nel tuo locale chiamami, che ci penso io". L’ho sempre apprezzato anche se, per fortuna, non ho mai avuto bisogno di lui per tenere a bada qualche cliente un po’ esuberante". Un uomo dal cuore grande, viene descritto così il 60enne. "Se gli chiedevi un favore, Gigi te lo faceva – prosegue il titolare del bar Gorizia -. Certo era una persona che si arrangiava, doveva sbarcare il lunario, ma non posso proprio dire niente di male su di lui". La notizia della scomparsa e poi dell’uccisione del commerciante di biciclette, di conseguenza ha lasciato trasecolati gli amici: "È ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?