Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

Corteolona, investito da vapore e soda caustica: operaio in gravissime condizioni

Dalla prima ricostruzione pare si sia rotta la manichetta. A utilizzarla un 29enne di San Zenone Po

stefano zanette
Cronaca
Tempestivi i soccorsi con il trasferimento della vittima al San Matteo
ambulanza

Corteolona (Pavia) - Si è rotta una manichetta e l’operaio è stato così investito da un getto di vapore e soda caustica, che gli ha provocato gravi ustioni. È successo nelle prime ore di mercoledì in uno stabilimento industriale lungo la Provinciale 234.

Mancavano pochi minuti alle 3 di notte quando sul posto la Centrale operativa dell’Areu ha inviato i soccorsi con un’ambulanza della Croce Azzurra di Belgioioso e l’automedica da Lodi. Allertati anche i carabinieri della Compagnia di Stradella, intervenuti con una pattuglia dell’aliquota Radiomobile. Il ferito è un operaio di 29 anni, residente a San Zenone Po, al lavoro nel turno notturno. I soccorsi sono scattati tempestivamente ed è stato trasportato con l’ambulanza in codice giallo al San Matteo di Pavia, dov’è stato ricoverato, valutato non in imminente pericolo di vita. Le ustioni riportate sarebbero però estese su tutta la parte superiore del corpo colpita dal getto di vapore e soda caustica. Dalle prime valutazioni non sembrerebbero ustioni profonde da mettere in pericolo di vita l’operaio, ma sono ancora tutte da valutare le conseguenze, se transitorie o permanenti, in base al decorso clinico che si preannuncia lungo e difficile.

La dinamica dell’accaduto e le cause sono ancora al vaglio dell’Ats di Pavia, in particolare dell’Unità operativa complessa Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro (UocPsal), competente per gli infortuni sul lavoro. Al momento la causa pare attribuibile a una rottura accidentale della manichetta, ma devono ancora essere accertate eventuali responsabilità. Dovranno essere analizzati i macchinari e le condizioni del luogo di lavoro, il livello di manutenzione o usura e il rispetto delle norme di sicurezza.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?