Bereguardo, terrorizzava la figlia e il genero: arrestato padre stalker

Le vessazioni denunciate ai carabinieri proseguivano da marzo dello scorso anno e riguardavano la gestione dell'azienda intestata alla donna

I carabinieri hanno raccolto la denuncia della donna

I carabinieri hanno raccolto la denuncia della donna

Bereguardo (Pavia), 28 gennaio 2024 - Dopo l'ultimo episodio di minacce la vittima ha finalmente denunciato il padre, portando alla luce vessazioni che proseguivano dal marzo dello scorso anno. L'uomo, 55 anni, è stato arrestato dai carabinieri per atti persecutori nei confronti dei famigliari.

La svolta era arrivata nel pomeriggio di venerdì, quando la vittima, 30enne, ha finalmente avuto il coraggio di andare dai carabinieri a denunciare il comportamento del padre. Le ultime minacce, particolarmente gravi, le hanno infatti fatto temere per l'incolumità sia propria che del marito, 33enne. Ma gli atti persecutori che sono stati raccontati dalla donna ai militari della Stazione di Bereguardo proseguivano ormai da poco meno di un anno, finora sopportati forse nell'illusione di poter risolvere la situazione fra le mura domestiche. All’origine delle vessazioni paterne ci sarebbero dissidi per la gestione di un'azienda di proprietà della donna.

Raccolta la denuncia ed effettuati rapidamente una serie di accertamenti, con la massima urgenza per la tutela della sicurezza delle vittime, i carabinieri hanno tratto in arresto il 55enne in flagranza differita, portandolo su disposizione della Procura di Pavia nel carcere pavese di Torre del Gallo. Il provvedimento di arresto è poi stato convalidato dal Gip, che ha però disposto la scarcerazione, ma con la misura cautelare del divieto di avvicinamento a meno di 500 metri sia dalla figlia che dal genero, oltre che dall'abitazione e dai luoghi abitualmente frequentati dalle due vittime.