Arriva la Milano-Sanremo. Via gli arredi, tanti divieti: "Ma è un evento unico"

Per consentire lo svolgimento della Classicissima, per la prima volta da Pavia modifiche alla viabilità e alla sosta nelle strade in cui passeranno i ciclisti.

Arriva la Milano-Sanremo. Via gli arredi, tanti divieti: "Ma è un evento unico"

L’assessore comunale allo Sport e alla Sicurezza Pietro Trivi «Dalle 10.30 si tornerà alla normalità» dice

Qualcuno ha già iniziato la “sua“ Milano-Sanremo, molti altri stanno aspettando i propri beniamini per applaudirli oggi pomeriggio e incitarli domani mattina, giorno della classicissima che per la prima volta partirà da Pavia. Per consentire lo svolgimento della manifestazione, dall’una di oggi fino alle 17 di domani saranno rimossi tutti gli arredi urbani in piazza della Vittoria e Strada Nuova. Sul lato della piazza in cui si trova Santa Maria Gualtieri è sempre consentita per oggi l’occupazione con arredo urbano sotto il porticato, che però dovrà essere rimossa entro le 6 di domani. Diversi poi i divieti di sosta e di transito disposti dal Comune. Non si potrà parcheggiare nella zona del ponte Coperto, sul lungoticino Sforza, in viale Resistenza, viale Partigiani, viale Montegrappa, via San Pietro in Verzolo e viale Cremona.

L’ordinanza si applica a via Calatafimi e piazza della Vittoria, da dove partirà la gara. Dalle 9 alle 11 di domani ci sarà divieto di transito in tutte le strade dove passeranno i ciclisti. "L’evento comporta dei disagi – ha detto l’assessore allo sport Pietro Trivi – per via dei divieti di sosta e di transito, ma avranno una durata molto limitata, da oggi pomeriggio a domani mattina. La gara partirà alle 10 e dalle 10,30 si tornerà alla quotidianità".

La Milano-Sanremo percorrererà 54,8 chilometri (dei 288 complessivi) in provincia di Pavia, attraversando Belgioioso, San Zenone al Po, Stradella, Broni e Casteggio, prima di congiungersi al tracciato classico dopo Voghera. Domani le operazioni di carico e scarico merci sono sospese su tutto il percorso di gara e gli autobus saranno deviati su tragitti alternativi.

La città tornerà quindi ad essere di pedoni e ovviamente ciclisti. "Sono molto contenta dell’opportunità che questa manifestazione, conosciuta in tutto il mondo, offre alla città – ha aggiunto l’assessore al turismo Roberta Marcone –. Abbiamo organizzato visite guidate gratuite e dotato tutti i negozi del percorso di locandine e informazioni". Il gruppo ciclistico Asd Avis Pavia intanto, dopo aver assistito alla presentazione e alla partenza dei corridori, li seguirà fino al km 0, poi una volta passate la carovana e le ammiraglie, si muoveranno per un giro cicloturistico sulle colline dell’Oltrepò pavese, aperto a bici da strada, gravel, mtb, e-bike.