Terremoto in Asm Pavia: arrestati il presidente Manuel Elleboro e il direttore generale Giuseppe Maria Chirico

Ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti anche di un professionista e del Rup del Comune di San Genesio. In tutto sono 16 gli indagati

Pavia, 27 novembre 2023  – Terremoto in Asm Pavia. La Guardia di finanza sta eseguendo nella mattinata di oggi, lunedì 27 novembre, un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti del presidente, Manuel Elleboro, e del direttore generale, Giuseppe Maria Chirico, dell'ex municipalizzata pavese, oltre che di un professionista, l'ingegner Gianluca Di Bartolo, progettista di commesse pubbliche oggetto d'indagine, e del Rup del Comune di San Genesio ed Uniti, Nausica Donato.

A sinistra Manuel Elleboro, a destra Giuseppe Maria Chirico
A sinistra Manuel Elleboro, a destra Giuseppe Maria Chirico

La vicenda, resa nota con comunicato stampa della Procura di Pavia, riguarda reati contro la pubblica amministrazione: "L'attività - spiega la nota firmata dal procuratore Fabio Napoleone - ha preso il via all'inizio del corrente anno, approfondendo notizie in merito a possibili reati in corso all'interno di Asm Pavia e si è ben presto estesa alla verifica della regolarità di svariate procedure di affidamento ad opera di diverse amministrazioni pavesi. Le indagini hanno finora permesso di accertare l'indebita percezione, da parte di alcuni degli indagati, di denaro pubblico, destinato a fini privati, nonché numerose anomalie e irregolarità commesse nell'assegnazione di lavori e appalti per conto delle amministrazioni, utilizzando anche i fondi provenienti dal Pnrr".

Approfondisci:

Asm Pavia, arrestati presidente e direttore generale. L’azienda ancora una volta nella bufera: tutti i nodi da sciogliere

Asm Pavia, arrestati presidente e direttore generale. L’azienda ancora una volta nella bufera: tutti i nodi da sciogliere

Insieme all'esecuzione dell'ordinanza cautelare che ha colpito 4 dei 16 indagati, la Finanza sta effettuando circa 40 perquisizioni, per cercare altre prove e riscontri. Tra gli iscritti nel registro degli indagati anche "soggetti investiti di qualifiche pubbliche ed esponenti politici".