Tragedia ad Arena Po, 4 morti (nel riquadro due delle vittime: Prem (S) e Tarfem Singh)
Tragedia ad Arena Po, 4 morti (nel riquadro due delle vittime: Prem (S) e Tarfem Singh)

Arena Po (Pavia), 12 settembre 2019 - Quattro persone sono morte in un drammatico incidente sul lavoro avvenuto oggi in un'azienda agricola di Arena Po. Sono morti, annegati in una vasca di raccolta dei liquami, i due proprietari, i fratelli di origine indiana Prem e Tarsem Singh, di 47 e 45 anni che avevano acquistato la proprietà, dove sorge un allevamento da 500 capi, tra mucche da latte e vitelli, circa due anni fa dopo aver fatto per una ventina d'anni i mungitori. Morti anche due dipendenti, Harminder Singh di 29 anni e Manjinder Singh di 28.

Incidente ad Arena Po (Torres)La Procura di Pavia indaga per omicidio colposo plurimo, un atto dovuto. L'ipotesi di reato, sulla quale sono in corso gli accertamenti da parte di magistratura e carabinieri, è emersa questa sera da fonti investigative. I quattro stavano lavorando a una vasca per il compostaggio dei fertilizanti vicina a una stalla. Da quanto è emerso i due dipendenti stavano caricando un'autobotte con i liquami, che poi si sarebbero dovuti spargere nei campi. Forse si sono creati dei problemi nell'aspirazione. Un operaio si è calato nella vasca ed è caduto. Gli altri tre, secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri di Stradella, sono a loro volta caduti nel vano tentativo di recuperare il loro connazionale. Ogni sforzo per salvarli è stato inutile. Due corpi sono stati estratti subito, per gli altri due è stato necessario lo svuotamento della vasca. Un'operazione molto delicata data la presenza nell'area di biogas (idrogeno solforato e metano). L'allarme è scattato intorno alle 12.30 ma non è chiaro a che ora possa essere avvenuto l'incidente. 

CATALFO: "PIANO STRAORDINARIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA" -"Il Governo si impegnerà al massimo nel contrasto alle morti sul lavoro" ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, in una nota, annunciando che la prossima settimana un tavolo per avviare "il piano straordinario di prevenzione e sicurezza già inserito nel programma di Governo". "E' mia intenzione - spiega Catalfo- coinvolgere anche le parti sociali e gli attori istituzionali della sicurezza sul lavoro. E' necessario - conclude - che le norme sulla prevenzione degli infortuni siano rispettate e osservate". Alle famiglie delle vittime è arrivato anche il messaggio del ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova: "Quattro operai hanno perso la vita oggi in un'azienda agricola vicino Pavia. Il mio pensiero va prima di tutto alle famiglie. La sicurezza sul lavoro è un diritto irrinunciabile, dobbiamo fare ogni sforzo per garantirlo". Incidente ad Arena Po (Torres)

FONTANA: "SITUAZIONE INSOSTENIBILE" - Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, esprimono cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime. "La situazione è divenuta ormai insostenibile - sottolinea il presidente Fontana - ed è necessario un cambio di passo urgente. La risposta strutturale a questa emergenza sarebbe un incremento sensibile del personale specializzato per effettuare i controlli, verificare le strutture e gli equipaggiamenti, sanzionare i comportamenti irregolari. Tutto questo però non è possibile se a livello nazionale non vengono garantite risposte e risorse adeguate per le assunzioni necessarie". "Nonostante queste penalizzazioni - spiega Gallera - in questi anni abbiamo messo in campo misure concrete, investendo 16 milioni provenienti dalle sanzioni comminate per le irregolarità per assumere a tempo determinato(non potevamo fare altro) tecnici e specialisti".

LOMBARDIA: 103 MORTI SUL LAVORO NEL 2019 - Con l'incidente plurimo avvenuto oggi sale a 103 il numero dei morti sul lavoro in Lombardia da inizio anno. "Una situazione inaccettabile - affermano Cgil, Cisl e Uil Lombardia - che impone una risposta forte e immediata degli organi competenti. (Leggi l'articolo).