Autodromo di Monza
Autodromo di Monza

Monza, 16 ottobre 2019 -  Grande tennis a Monza, il sogno s’avvicina. Dopo avere perso la sfida con Maiorca per ospitare un torneo Atp 250 su erba nel giugno del 2020, Monza non ha affatto gettato la spugna. Anzi, è rimasta in partita rimodellando il progetto candidato all’erba per un altro terreno di gioco. Stesso livello e, soprattutto, stessa location: l’autodromo di Monza. Dopo la decisione ufficiale dell’associazione che governa il circuito tennistico ‘pro’, la società Mito Group insieme con il direttore designato del torneo Giorgio Tarantola hanno continuato a lavorare nell’ombra portando a uno stato avanzato la trattativa con l’organizzatore di un torneo su terra che, per ragioni economiche, vorrebbe cedere la propria licenza.

Due le possibilità : comprare (per sempre) il «diritto sportivo», oppure affittare il torneo per 4 o 8 anni. La soluzione proposta, comunque, resta la stessa: 6 campi all’interno del circuito, da allestire e smontare a ogni edizione: 5 nell’area paddock, con 3 campi di allenamento e 2 di gara ognuno con 2.500 posti a sedere. Il campo centrale, invece, sul rettilineo di partenza, con i 5mila posti a sedere previsti da regolamento ricavati sulle tribune esistenti dell’autodromo e su altre tribune montate nei lati corti del campo per creare un «catino del tennis».  

Si tratta, dunque, di un lavoro complesso, per riuscire comunque a portare il grande tennis in città: un torneo Atp 250 su terra. Difficile pensare che l’intera operazione possa concludersi per il calendario del prossimo anno. Aspetto che, comunque, potrebbe anche giocare a favore di Monza visto che il 2020 è l’anno delle Olimpiadi a Tokyo e il calendario per gli atleti è già abbastanza saturo. La trattativa in corso, dunque, punta a far entrare Monza nel circuito Atp a partire dal 2021. Il torneo che andrebbe a sostituire al momento è ancora top secret, per questioni di opportunità, ma soprattutto di fairplay tra organizzatori. Certo è che alle latitudini monzesi, il periodo in cui si potrebbe ospitare il torneo in autodromo è quello della primavera, prima che inizi, a fine giugno, la stagione su erba.

Mentre sulla tempistica della definizione del possibile subentro di Monza non c’è ancora nulla di ipotizzabile. Resta, però, l’ottimismo manifestato da Mito Group nel giorno in cui Atp ha ufficializzato che sarebbe stata la città spagnola che ospita l’academy di Rafa Nadal a prendere il posto della tappa saltata nella turca Antalya: «Siamo certi che l’Atp abbia ben chiaro il forte desiderio del comitato organizzatore di assicurare al territorio di Monza un grande evento tennistico, e siamo fiduciosi che il percorso iniziato non termini con questa assegnazione. A tal proposito, siamo stati incoraggiati dalle istituzioni del territorio a proseguire, mentre i vertici dell’associazione dei ‘pro’ hanno assicurato un’ampia disponibilità».