Polizia al lavoro
Polizia al lavoro
Quando è rientrato a casa, ha trovato tre ladri in azione nel cortile del palazzo in cui abita. E, quando ha tentato di fermarli, è stato aggredito con violenza feroce e colpito con calci, pugni e fendenti sferrati con un piede di porco alla testa dai quali è riuscito a liberarsi soltanto esplodendo sei colpi di...

Quando è rientrato a casa, ha trovato tre ladri in azione nel cortile del palazzo in cui abita. E, quando ha tentato di fermarli, è stato aggredito con violenza feroce e colpito con calci, pugni e fendenti sferrati con un piede di porco alla testa dai quali è riuscito a liberarsi soltanto esplodendo sei colpi di pistola in aria. Nottata drammatica quella vissuta fra martedì e mercoledì nel cortile di un palazzo in zona Libertà. Protagonista suo malgrado un poliziotto di 34 anni, in servizio a Milano all’Ufficio Prevenzione della Questura meneghina.

Mentre faceva ritorno a casa di notte dal lavoro, l’agente ha intravisto nel buio la sagoma di tre uomini con un sacco in spalla e un piede di porco. Ha intuito immediatamente che si trattava di ladri e si è qualificato intimando ai tre di fermarsi. La reazione dei malviventi è stata però di una violenza inusitata. I tre si sono scagliati infatti contro di lui prendendolo a calci, pugni e colpendolo ripetutamente in testa col piede di porco. All’agente fuori servizio, per scamparla, non è rimasto altro che estrarre la pistola di ordinanza ed esplodere sei colpi a scopo intimidatorio.

I tre se la sono data immediatamente a gambe abbandonando il sacco con la refurtiva: pare che ci fossero dentro soprattutto ori e preziosi appena rubati dalla cassaforte di un appartamento. Sul posto sono piombati poi colleghi della Squadra Mobile di Monza, che stanno ora indagando per risalire all’identità dei tre criminali in fuga. Portarto in ospedale, il poliziotto – seriamente ferito alla testa – è stato medicato: ne avrà per quaranta giorni.