Quotidiano Nazionale logo
13 feb 2022

Pedemontana, prove di ricorso

L’idea lanciata nell’assemblea di Desio: promuovere una class action degli espropriati e bloccare le ruspe

alessandro crisafulli
Cronaca

di Alessandro Crisafulli Le stanno provando veramente tutte, i comitati attivi da anni per cercare di bloccare l’arrivo del gigante Pedemontana sul territorio: lettere, petizioni, incontri. L’ultima idea, seppur complessa da mettere in campo, è quella di una class action da parte dei circa 25mila soggetti coinvolti dall’esproprio. L’ha lanciata ieri pomeriggio Dario Balotta, presidente dell’Osservatorio nazionale infrastrutture e trasporti, durante l’assemblea pubblica organizzata a Desio da una decina di gruppi capitanati dal coordinamento No Pedemontana. "Ci sono numerosi profili di illegittimità nelle proroghe – ha spiegato Balotta – per questo sarebbe fondamentale che più persone possibili, tra coloro che sono coinvolte, firmasse una azione legale, con una denuncia penale per abuso d’ufficio. Gli espropri vanno annullati perché illegittimi e gli espropriati, che hanno le proprietà bloccate da 12 anni, vanno indennizzati". Balotta ha anche posto il paragone "con due autostrade come la BreBemi e la Tem che hanno un traffico talmente scarso, minore rispetto a strade provinciali, che da 8 anni le rispettive società chiudono il bilancio in disavanzo". La class action non è ancora ufficialmente partita, ci sono alcuni avvocati che la stanno studiando, anche se sarà molto complesso raccogliere le adesioni dei diretti interessati, fiaccati da vecchi ricorsi al Tar caduti nel vuoto, con tanto di spese legali, e da ormai 12 anni di battaglia. È intervenuta anche Eleonora Evi, parlamentare europea di Europa Verde, lei stessa primattrice di alcune iniziative per arginare l’arrivo dell’autostrada: "Si tratta dell’ennesimo scempio del territorio – ha detto –. Io ho fatto diverse interrogazioni su questo progetto scellerato a livello europeo e ho inviato una lettera alla Banca Europea degli Investimenti per chiedere lumi sul finanziamento di 550 milioni di euro che è folle, visto che viene definita la banca per il clima: è evidente che la Bei non può pensare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?