Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
9 feb 2022

L’olio alimentare ora si può recuperare

9 feb 2022
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa
I nuovi centri di raccolta per evitare di versare l’olio nei lavandini e in fogna contaminando l’acqua e gettando via una risorsa

Punti di raccolta a portata di mano, da sfruttare quando già ci si reca a fare la spesa, per evitare di versare l’olio nei lavandini e nella rete fognaria, come oggi accade la maggior parte delle volte, contaminando l’acqua e gettando via una risorsa riutilizzabile, ad esempio per produrre biodiesel. Contenitori specifici che i lissonesi troveranno vicino ai supermercati e ai punti vendita della grande distribuzione, in cui conferire l’olio alimentare esausto - quello cioè adoperato in cucina per la preparazione o la conservazione del cibo - senza dover andare fino alla piattaforma ecologica di via delle Industrie. E’ la nuova iniziativa messa in campo in città da Gelsia Ambiente. I primi due contenitori, ribattezzati PuntOlio, sono già stati installati fuori dagli Effemarket di via Gioberti e viale Martiri della Libertà e sono già attivi. Per utilizzarli basterà raccogliere l’olio usato, dopo averlo fatto raffreddare, in normali bottiglie di plastica, ben chiuse: queste potranno quindi essere inserite nei PuntOlio. I nuovi contenitori verranno progressivamente collocati in tutta la Brianza. Solitamente l’olio di frittura e quello dei cibi in scatola finisce nella rete fognaria, "solo un quarto di quello prodotto, circa 3 chili ad abitante, viene avviato correttamente a recupero", raccontano da Gelsia e municipio. Riciclarlo invece premette di "avviarlo a rigenerazione per la produzione di biodiesel, contribuisce a ridurre le emissioni di CO2 e salvaguarda l’acqua, che viene inquinata se in contatto con sostanze oleose". E che Lissone un occhio di attenzione al riciclo dei rifiuti lo abbia lo confermano i numeri relativi alla raccolta differenziata: nell’ultimo anno la città si è confermata sopra il 78% di spazzatura avviata al riuso. "Nonostante la produzione di rifiuti igienico-sanitari legati alla pandemia - spiegano dal Comune - anche nel 2021 si è mantenuta pressoché invariata la quota di raccolta differenziata: la percentuale è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?