Quotidiano Nazionale logo
3 feb 2022

L’ambasciatrice dell’inclusione

Irene Sarpato nominata rappresentante italiana nel mondo della fondazione americana “Billion Strong“

alessandro crisafulli
Cronaca
Irene Sarpato, 43 anni, “asperger“: «Tutte le diversità contribuiscono alla crescita»
Irene Sarpato, 43 anni, “asperger“: «Tutte le diversità contribuiscono alla crescita»
Irene Sarpato, 43 anni, “asperger“: «Tutte le diversità contribuiscono alla crescita»

di Alessandro Crisafulli La diversità e la disabilità come talento. Opportunità. Valore aggiunto. Per la comunità ma anche e soprattutto per le aziende. Contro ogni pregiudizio e stereotipo. Demolendo ogni tipo di barriera, con la forza delle parole, dell’esempio, della condivisione e della contaminazione. Irene Sarpato, 43enne di Desio, è ambasciatrice in Italia e nel mondo di questa missione. All’interno dell’azienda dove lavora, una multinazionale tedesca, ma anche all’esterno: nella vita i tutti i giorni, nei mille progetti di cui è primattrice, e nel suo nuovo, prestigioso, incarico: rappresentante per il Belpaese nel board di "Billion Strong", un’organizzazione identitaria nata negli Stati Uniti, che unisce le voci delle persone con disabilità e delle associazioni attraverso una piattaforma digitale per fare rete e promuovere la cultura dell’inclusione. "Sono molto fiera di questo incarico – dice Irene –. Crediamo fortemente nel potere dell’unione e del network per sfidare stereotipi e pregiudizi e per affrontare la disuguaglianza". Questa nuova realtà ha grandi progetti a livello globale: dare forza alla community, in modo che le voci dei disabili siano ascoltate e valorizzate, costruendo un orgoglio identitario della disabilità; proporre formazione e risorse per creare consapevolezza sui punti di forza di queste persone; condividere buone pratiche; sviluppare una tecnologia accessibile a tutti, un’economia condivisa e molto altro. Una sfida affascinante, iniziata tempo fa con la tesi di laurea sulla salute mentale e le discriminazioni, nella storia, per chi ne ha sofferto. E amplificatasi, se possibile, quando, di recente, ha avuto la conferma di essere "asperger", cioè con una neurodiversità, "che per me è qualcosa di meraviglioso, perchè tutti siamo diversi ed è da qui che si cresce". Una sfida che combatte per valorizzare tutti i tipi di disabilità e diversità, fisica e psicologica, impegnandosi per l’empowerment femminile, per la comunità Lgbtbq, per la parità di genere e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?