Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Ladri di biciclette... con la pistola

Due ragazzi, tra cui un minorenne, avevano rapinato un rider: i carabinieri hanno restituito la refurtiva

sonia ronconi
Cronaca
Il pakistano aveva cercato di inseguire i due adolescenti ma aveva desistito quando si era visto puntare addosso la pistola I due ragazzini sono stati identificati dai carabinieri
Il pakistano aveva cercato di inseguire i due adolescenti ma aveva desistito quando si era visto puntare addosso la pistola I due ragazzini sono stati identificati dai carabinieri
Il pakistano aveva cercato di inseguire i due adolescenti ma aveva desistito quando si era visto puntare addosso la pistola I due ragazzini sono stati identificati dai carabinieri

di Sonia Ronconi

I carabinieri della stazione di Carate Brianza hanno identificato e denunciato anche il secondo diciottenne autore del furto di due biciclette a pedalata assistita in danno di un rider 26enne di origini pakistane. La storia ha inizio lo scorso lunedì alle 0.45 circa a Seregno dove un pakistano ha avvicinato una pattuglia della polizia di Stato in trasferta per un servizio anti-movida raccontando di aver appena subito il furto delle proprie biciclette da parte di due adolescenti aggiungendo che aveva provato a inseguirli ma aveva desistito quando si era trovato una pistola puntata contro. Composto il 112, gli agenti hanno prontamente attivato i carabinieri della Compagnia di Seregno che, intuito il quadro della situazione, hanno preso in carico l’intervento inviando una gazzella della stazione di Carate Brianza atteso che le altre erano impegnate in altri interventi.

Gli uomini dell’Arma ci sono sempre 24 ore al giorno. Accorsi i militari hanno raccolto la testimonianza del giovane pakistano – disperato perché quelle biciclette costituivano il suo strumento di lavoro – e quelle dei presenti che hanno permesso di identificare poco dopo uno degli autori, un 16enne di origini cubane residente in zona.

Naturalmente non poteva mancare la successiva e puntuale perquisizione personale e domiciliare in casa del giovane che ha quindi permesso ai carabinieri di Carate Brianza di trovare e sequestrare la pistola utilizzata per minacciare la vittima – una scacciacani priva del tappo rosso –, oltre a un coltello e a una delle biciclette che erano state rubate.

Dopo il primo episodio, i militari hanno lavorato a 360 gradi sul caso fino ad arrivare all’obiettivo finale. Nei giorni successivi, le ulteriori indagini hanno infatti consentito di identificare e denunciare anche il complice, un 15enne brianzolo residente in un quartiere popolare di Seregno che aveva portato via la seconda bicicletta facendo perdere le proprie tracce.

Un altro caso chiuso per i militari dell’Arma dei carabinieri.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?