Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 lug 2022
25 lug 2022

Dietro al Duomo di Monza bivacchi e bagni alla fontanella

Tensione in piazza Cambiaghi trasformata nella cittadella di sbandati e senzatetto. I residenti sono esasperati

25 lug 2022

"Non ce la facciamo più. Ogni volta che passiamo in quella piazza o che la guardiamo dalle finestre delle nostre case e dei nostri uffici è un degrado assoluto: gente nuda che si lava alla fontanella, gente che dorme sui materassi in mezzo alla strada, gente che utilizza la strada come servizi igienici a cielo aperto. Servono interventi concreti. Subito". A parlare sono alcuni residenti di piazza Cambiaghi. La situazione a pochi passi dal Duomo di Monza sta degenerando. Da tempo i residenti, riuniti in comitato, denunciano lo stato di mancanza di sicurezza e di igiene nella piazza diventata luogo di bivacco di persone senza fissa dimora, tra alcol e droga. Già in passato le forze dell’ordine erano intervenute per cercare di ripristinare una situazione di decoro e di sicurezza, e il questore nell’ottobre del 2021 aveva già disposto il Daur (Divieto di accesso aree urbane) per quattro uomini che bivaccano nella piazza che il sabato ospita anche il mercato. Ma i problemi, secondo i residenti, restano. "Anzi peggiorano. Adesso ci sono persino uomini che senza alcun pudore in pieno giorno si denudano e si lavano alla fontanella, in barba al passaggio delle persone".

I residenti hanno scattato diverse foto che testimoniano la situazione di degrado. Accanto a chi cerca di affrontare la canicola spogliandosi e lavandosi, ci sono anche persone che hanno preso materassi matrimoniali e li hanno messi in mezzo alla piazza e lì dormono. Oltre a coloro che continuano a bivaccare sotto i portici. La mattina bottiglie e lattine abbandonate, persone che dormono accovacciate per terra con i passanti costretti a fare lo slalom, escrementi e uomini che fanno pipì mentre passano i lavoratori. La situazione è peggiorata col caldo e spesso degenera in risse. "Siamo stanchi e abbiamo paura".

Barbara Apicella

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?