Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Condannato per avergli sbarrato la strada

Uomo ucciso da un automobilista ubriaco: due anni al ventenne che lo aveva fatto fermare dopo essere stato urtato durante un sorpasso

stefania totaro
Cronaca
La tragedia il 5 ottobre 2019: il 20enne condannato per concorso in omicidio stradale
La tragedia il 5 ottobre 2019: il 20enne condannato per concorso in omicidio stradale
La tragedia il 5 ottobre 2019: il 20enne condannato per concorso in omicidio stradale

di Stefania Totaro Aveva sbarrato la strada con la sua auto a quella di un 60enne in via Adda, dopo un inseguimento stradale per un lieve contatto durante un sorpasso iniziato in viale Sicilia, inducendolo a scendere dalla sua vettura per un chiarimento, che però non ci fu mai perché il 60enne venne investito e ucciso da un altro automobilista risultato ubriaco. Per questa vicenda, accaduta la notte del 5 ottobre 2019 e costata la vita ad Antonio Seria, residente a Caponago, un 20enne di Brugherio, G.S., si è ritrovato imputato di concorso in omicidio stradale ed è stato condannato dal Tribunale di Monza a 2 anni di reclusione e alla sospensione della patente di guida per lo stesso periodo e in più la giudice Letizia Anna Brambilla gli ha revocato anche la sospensione condizionale della pena per un patteggiamento a 1 anno e 6 mesi ottenuta nel 2015 per incendio colposo. In udienza preliminare il 30enne di Concorezzo che ha falciato la vittima ha patteggiato la pena di 4 anni di reclusione per omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di ebbrezza. I familiari del 60enne hanno già ottenuto un risarcimento dei danni rivolgendosi al Gruppo Giesse, gruppo specializzato in questo settore con sede anche a Monza. Ma il 20enne, difeso dall’avvocato Franco Balconi, negava il concorso nel reato sostenendo che non vi era un nesso di causa tra il comportamento dell’imputato e l’investimento mortale e che dopo il fatto il 20enne aveva messo in atto tutti gli accorgimenti previsti dal codice della strada in caso di incidente. "L’imputato, che voleva soltanto indurre l’altro automobilista a fermarsi per la constatazione amichevole, è accusato di avere intralciato la carreggiata e di non avere segnalato le vetture ferme causando l’omicidio stradale - ha dichiarato il legale nella sua arringa difensiva al ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?