Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
3 feb 2022

Caso Aeb-A2A, sindaco e minoranza si querelano

Alberto Rossi non aveva preso bene le accuse di Edoardo Trezzi (Lega) e Tiziano Mariani sull’avviso di garanzia

3 feb 2022
gualfrido galimberti
Cronaca
Il sindaco Alberto Rossi
Il sindaco Alberto Rossi
Il sindaco Alberto Rossi
Il sindaco Alberto Rossi
Il sindaco Alberto Rossi
Il sindaco Alberto Rossi

di Gualfrido Galimberti Querela e controquerela: si infiamma la vita amministrativa cittadina. La bagarre si sposta dal piano strettamente politico a quello giudiziario. Con una certezza: l’ultimo anno che separa la città dall’appuntamento elettorale del 2023 sarà davvero caldissimo. I protagonisti di questo nuovo capitolo sono tre: da una parte il sindaco Alberto Rossi, dall’altra Edoardo Trezzi (capogruppo della Lega) e Tiziano Mariani (leader della lista civica “Noi x Seregno”). Sullo sfondo di questa battaglia c’è ancora una volta l’operazione di aggregazione industriale tra il gruppo Aeb e A2A. Tutto nasce infatti dalla richiesta dei due consiglieri di minoranza di poter dare un’occhiata all’informazione di garanzia ricevuta dal sindaco Alberto Rossi alla fine del mese di settembre. Lo stesso primo cittadino, visibilmente scosso, aveva avvisato il Consiglio comunale. Era poi emerso che la stessa informazione di garanzia era stata notificata anche al segretario generale Alfredo Ricciardi e all’assessore Giuseppe Borgonovo. Due i filoni di indagine: corruzione e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Dall’opposizione avevano chiesto a più riprese di poter vedere l’informazione di garanzia: dopo essere stati ricevuti dal sindaco, erano usciti delusi parlando di una documentazione insoddisfacente. Affermazioni che il sindaco aveva ritenuto offensive, poiché a suo modo di vedere lasciavano intendere che avesse mostrato qualcosa di contraffatto, tagliato ad arte o falsificato. Di qui la scelta di querelare Trezzi e Mariani per diffamazione. Nulla si è saputo finché i due sono stati convocati dal Comandante della polizia locale, che ha notificato un’informazione di garanzia con verbale di identificazione e nomina di un difensore per il reato di diffamazione commesso a danno del sindaco. "A parti inverse - afferma Trezzi - non mi sarebbe mai passato per la testa di querelare un consigliere comunale per dichiarazioni a sfondo politico. Ma, a quanto pare, il modus operandi del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?