Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 giu 2022

Gallera: "Covid? Io ho fatto il mio dovere. La vera lotta era contro il governo"

L’ex assessore regionale mette nero su bianco quanto accadde quando divampò la pandemia

8 giu 2022
sandro neri
Politica
L''ex assessore alla Salute della Regione Lombardia Giulio Gallera durante l�evento Forza Italia 'Milano, ci siamo' al Palazzo delle Stelline di Milano il 25 Giugno 2021
ANSA / MATTEO BAZZI
Giulio Gallera
L''ex assessore alla Salute della Regione Lombardia Giulio Gallera durante l�evento Forza Italia 'Milano, ci siamo' al Palazzo delle Stelline di Milano il 25 Giugno 2021
ANSA / MATTEO BAZZI
Giulio Gallera

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Milano -​ Lo definisce subito "una sorta di diario di guerra". Ma la battaglia, precisa poco dopo, era in realtà su due fronti: "Il primo è quello istituzionale, dove abbiamo intrapreso un braccio di ferro con il governo affinché emanasse provvedimenti per rallentare i contagi". A due anni di distanza dalla pandemia da Covid-19 Giulio Gallera prova a mettere alcuni punti fermi sulla lotta contro il virus in Lombardia e a togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa. Lui che, a undici mesi dallo scoppio dell’emergenza sanitaria, ha comunque dovuto lasciare l’incarico di assessore regionale al Welfare. "Sia i primi che gli ultimi giorni della mia gestione della pandemia sono stati curiosamente caratterizzati da forti polemiche", scrive nel suo “Diario di una guerra non convenzionale“, da poco uscito nelle librerie. E a quegli attacchi risponde con i numeri: "Secondo l’Istituto superiore di sanità il tasso di letalità è stato nella prima ondata del 2,36 per cento in tutt’Italia. In Lombardia, però, è del 2,28 per cento, cioè più basso della media". Gallera, che opinione ha, oggi, di quei fatti? "La Lombardia, la regione italiana più colpita dal virus, è quella che ha salvato più vite. L’indice di letalità è più basso che altrove nonostante l’altissimo numero di infetti: 750.000. Vuol dire che li abbiamo curati meglio che in altre regioni". Però non gliel’hanno riconosciuto, visto che un rimpasto di giunta l’ha lasciata fuori ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?