Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Milan Spezia va ripetuta: ecco perché per il Codacons è possibile

Ultimatum alla Figc: altrimenti ricorso al giudice

AC Milan�?s Ante Rebic (C) and his teammate Olivier Giroud speak with the referee Marco Serra during the Italian serie A soccer match between AC Milan and Spezia at Giuseppe Meazza stadium in Milan,  17 January   2022.
ANSA / MATTEO BAZZI
Il momento clou dell'ultima partita del Milan, il gol annullato dall'arbitro Serra

Non si placa la polemica sulla partita Milan Spezia viziata, a dir poco, dall'errore macroscopico dell'arbitro Serra che ha determinato la sconfitta dei rossoneri. Si può rigiocare il match? Il regolamento parla chiaro ma c'è sempre spazio per le interpretazioni. Il Codacons che ha ieri fatto richiesta alla Figc di ripetere il match spiega perché sarebbe possibile. Due i motivi alla base dell'istanza presentata dall'associazione:

"In primo luogo - fa sapere Codacons - molti hanno affermato che l'errore sia frutto di una scelta discrezionale dell'arbitro, il quale avrebbe ritenuto di non concedere il vantaggio al Milan, ma così non è. Il Direttore di gara, infatti, erra in quanto non attende i canonici 3 secondi per valutare se il vantaggio si concretizzi o meno, ma fischia immediatamente il fallo, senza aspettare il prosieguo dell'azione. Se l'arbitro avesse atteso e poi avesse valutato che, a suo parere discrezionale, l'azione non fosse vantaggiosa per il Milan avrebbe sicuramente sbagliato, ma avrebbe sbagliato esercitando il proprio potere discrezionale e come tale non avrebbe potuto essere oggetto di alcun ricorso". 

"In secondo luogo, seppur sia vero, come affermato da molti, che la c.d. "regola del vantaggio" non rientra nelle 17 regole fondamentali del calcio, essa però costituisce un appendice della regola 5 che la indica come "dovere dell'arbitro". Tanto che viene spiegato come l'arbitro abbia 3 secondi, dopo aver assegnato il vantaggio, per valutare se la decisione ha dato un effettivo vantaggio o no. In questo caso, come detto anche sopra, l'arbitro non ha scelto discrezionalmente di non dare vantaggio (cosa che sarebbe criticabile ma non frutto di un errore tecnico) ma ha proprio commesso un errore, sicuramente in buona fede, ma tecnico, fischiando immediatamente.La circostanza è confermata anche dall'atteggiamento durante e post partita del direttore di gara, che, consapevole di aver sbagliato e non di aver fatto una scelta discrezionale, ha immediatamente chiesto scusa ai giocatori del Milan, scuse poi ribadite anche negli spogliatoi e reiterate anche dall'AIA (Associazione Italiana Arbitri).

"Lo sbaglio si è concretizzato, quindi, in un vero e proprio errore tecnico - prosegue la nota - analogamente all'arbitro che consente un cambio in più rispetto al Regolamento, o che convalida un gol in fuorigioco che aver sbagliato ad applicare la regola prevista dal Regolamento stesso, e pertanto, da diritto alla richiesta di ripetizione della partita. Va, in ogni caso, considerato, che, da questa decisione vengono danneggiati i consumatori: tifosi del Milan; tifosi delle squadre avversarie dello Spezia coinvolte nella lotta salvezza; scommettitori e anche l'intero campionato di calcio, compromesso nella sua intera regolarità".

"In conclusione, l'Associazione Codacons chiede alla F.I.G.C entro 15 giorni da oggi di decidere di far ripetere l'incontro Milan- pezia, altrimenti si rivolgerà alle Autorità Giudiziarie per ottenere il corrispondente provvedimento."

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?