Quotidiano Nazionale logo
1 mag 2022

Milan, Leao meravigliao: 1-0 alla Fiorentina nel finale e vetta mantenuta

Terracciano regala la rete al portoghese: ancora tante le occasioni sprecate dal Diavolo

ilaria checchi
Sport
AC Milan�s Rafael Leao jubilates with his teammates after scoring goal of 1 to 0 during the Italian serie A soccer match between AC Milan and Fiorentina at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 1 May 2022.
ANSA / MATTEO BAZZI
Il Milan esulta per Leao e il suo gol

Milano, 1 maggio 2022 – Il Diavolo vuole mantenere la vetta e per farlo deve superare il primo dei quattro ostacoli da qui alla fine del campionato: in un San Siro praticamente sold out (71542 gli spettatori presenti) arriva la Fiorentina di Italiano, alla caccia di riscatto dopo due ko consecutivi. Alla fine ci pensa il gol di Leao a decidere un match tirato dove i rossoneri hanno sprecato, ancora, un enorme mole di occasioni sotto porta. Tre punti conquistati, vetta solitaria al sicuro e Inter a -5 in attesa di scendere in campo contro l’Udinese.

Milan-Fiorentina: le pagelle rossonere

In campo

Il tecnico di casa conferma Olivier Giroud come prima punta, supportato dal tridente formato da Junior Messias, Brahim Diaz e Leao. Panchina iniziale per Bennacer, con Kessié ad affiancare Tonali in mezzo al campo. Italiano punta su Cabral al centro dell'attacco, con Gonzalez e Saponara ai lati. In mezzo gioca Amrabat e non Torreira.

Reti inviolate

Il direttore di gara Valeri dà il via al match e la Fiorentina parte subito con il piede sull’acceleratore mettendo pressione alla retroguardia di casa ma la rovesciata tentata da Cabral viene murata da Tomori. Il Diavolo però ci mette poco a prendere le misure degli ospiti e al 6’ Theo Hernandez infila la porta di Terracciano ma la rete viene annullata per il fuorigioco di Messias all’inizio dell’azione. Al 10’, però, è la Viola a sprecare un gol facile con Igor che, tutto solo, spara un destro secco poco fuori misura ma sul ribaltamento di fronte è ancora il terzino francese ad andare vicino alla rete con una conclusione sul fondo ben imbeccato da Diaz. Al quarto d’ora è invece Giroud a mandare fuori di un soffio l’1-0 su preciso assist di Kessié ma il suo scavetto lambisce il palo a Terracciano battuto: il dominio rossonero continua e al 20’ è Brahim Diaz a trovare lo spazio giusto per colpire in area di rigore viola ma anziché tirare preferisce provare a servire uno tra Kessié e Leao e l’azione sfuma.

La Fiorentina si riaffaccia dalle parti di Maignan poco dopo con Saponara prima e con Gonzalez poi ma la diagonale difensiva di Theo Hernandez spegne le velleità ospiti: si arriva alla mezz’ora inoltrata con il risultato inchiodato sullo 0-0 e i padroni di casa continuano a costruire la solita mole di occasioni gol mancando sempre nell’ultimo passaggio. Kessié manda alle stelle un destro dal limite dell’area e Diaz sbaglia il filtrante giusto per permettere a Giroud di colpire mentre gli ospiti ci provano con Cabral ma l’intervento di Maignan in fallo laterale ferma l’attaccante viola. Al 42’ capitan Calabria tenta il tiro due volte ma la seconda colpisce male e conclude altissimo sopra la traversa di Terracciano e la punizione di Tonali da distanza direttamente tra le braccia del portiere ospite è l’ultima azione del primo tempo: per la prima volta nel 2022 il Milan ha chiuso un primo tempo di Serie A senza effettuare nessun tiro nello specchio della porta.

Leao decisivo

Italiano opta per Martinez Quarta al posto di Venuti mentre Pioli non cambia nulla: dopo nemmeno due minuti il Milan si divora l’ennesimo gol con Leao che calcia altissimo da due passi, dopo l’ottimo scambio Diaz-Giroud, mentre poco dopo, su piazzato di Theo a sinistra, un batti e ribatti in area permette a Kessié di arrivare alla conclusione smanacciata in qualche modo da Terracciano. San Siro è una bolgia e dopo un minuto è ancora il terzino francese a provare il tiro su imbeccata di Tonali ma la mira, ancora una volta, non è precisa.

Le occasioni mandate alle ortiche dal Diavolo iniziano ad essere troppe e Pioli corre ai riparti sostituendo Messias con Rebic e Diaz con Krunic, mentre il tecnico della Viola punta sull’ex di giornata Bonaventura (applaudito dai tifosi rossoneri) al posto di Maleh mentre al 66’ arriva anche il momento di Zlatan Ibrahimovic al posto di un Giroud asettico e lo svedese poco dopo il suo ingresso si conquista un prezioso calcio di punizione dal limite. L’assalto di casa continua imperterrito ma lo score non si schioda mentre Maignan compie un grande intervento in due tempi su Cabral (cross di Biraghi) a salvare i pali rossoneri.

Bennacer per Kessié è l’ultima mossa di Pioli al 78’ ma due minuti dopo è Rafael Leao a far esplodere il tifo milanista per il gol dell’1-0 che suona come una boccata di ossigeno dopo tante occasioni sprecate: Terracciano sbaglia clamorosamente il rinvio, il portoghese recupera e punta il difensore, rientrando sul destro prima di battere il portiere viola. Zlatan prova la girata di testa all’87’ ma la traiettoria finisce alta sopra la traversa ma i padroni di casa continuano a spingere anche nei quattro minuti di recupero concessi da Valeri: Leao trova praterie davanti a sé, conquista il fondo per crossare in favore dello svedese ma la difesa viola chiude in qualche modo. Il triplice fischio fa esultare i settantamila e più di casa e per il Milan la vetta solitaria è al sicuro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?