Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 nov 2021
25 nov 2021

Prima del Pnrr i soldi della Regione: "La Lombardia già molto avanti"

La Giunta presenta al governo il piano per le infrastrutture da 3,6 miliardi di euro

25 nov 2021
featured image
Il governatore Attilio Fontana
featured image
Il governatore Attilio Fontana

Milano - In attesa di capire quanti e quali dei progetti candidati dalla Regione Lombardia – per un valore complessivo di 35 miliardi di euro – saranno finanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), il presidente lombardo Attilio Fontana e l’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti, Claudia Maria Terzi, ieri al Pirellone hanno illustrato il Piano Lombardia ad Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili. "La Lombardia – ha quindi commentato il ministro – è in uno stadio molto avanzato, talvolta più avanzato di altre Regioni. Il punto cruciale è proprio quello di coordinare i finanziamenti nazionali con quelli regionali". Parole, quest’ultime, che vanno incontro alla richiesta avanzata in queste settimane non solo dalla Lombardia ma da tutte le Regioni, vale a dire: la richiesta di essere maggiormente coinvolte dal Governo nelle scelte su come ripartire i fondi del Pnrr, scelte che l’esecutivo nazionale, finora, sta affrontando soprattutto con i Comuni.

Quanto al Piano Lombardia, quello approvato dalla Giunta, prevede finanziamenti del valore di oltre 3,6 miliardi di euro. "Questa operazione – ha sottilineato Fontana – sta generando una spinta alla ripresa economica della nostra regione, con la realizzazione di opere attese da tempo ma che gli enti locali faticavano a concretizzare per mancanza di risorse. Gli effetti del Piano sono verificabili sui territori: gli oltre 3mila cantieri sbloccati, ai quali se ne aggiungeranno molti altri, sono il segno tangibile di una terra che sta ripartendo. La Lombardia ora è pronta ad accogliere gli investimenti del Pnrr che dovrà procedere in parallelo al nostro Piano".

Nella primavera dello scorso anno, la Regione ha trasferito ai Comuni e alle Province un primo blocco di finanziamenti, pari a 400 milioni, che sono serviti a realizzare, per l’esattezza, 3.021 opere di competenza dei Comuni e 97 opere provinciali. Ai 400 milioni già menzionati, si aggiungono, ora, oltre 3,2 miliardi di risorse regionali. Il valore complessivo di questo programma di investimenti supera i 5,3 miliardi di euro. Secondo quanto riferito dalla Regione, il Piano Lombardia sta contribuendo alla crescita del Pil regionale in una stima compresa tra lo 0,5% e lo 0,6%, con ricadute positive anche in termini di eco-sostenibilità e di aumento dell’occupazione, con una prospettiva di incremento tra 28mila e 31,4 mila nuovi posti di lavoro. Alle infrastrutture sono destinati oltre 2,1 miliardi di euro così ripartiti: 597 milioni per opere ferroviarie, 235 milioni per il trasporto pubblico, 127 milioni per la mobilità ciclistica, 19 milioni per la navigazione, 2,2 miliardi per il potenziamento e la riqualificazione della rete stradale, 927 milioni per interventi per le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?