Alla Scala il primo concerto dell’Orchestra del mare: strumenti realizzati dai detenuti coi legni dei barconi naufragati

Il 12 febbraio l’appuntamento benefico e dal forte significato sociale con musicisti d’eccezione. Il ricavato finanzierà i laboratori nelle carceri

Teatro alla Scala
Teatro alla Scala

Milano – Alla Scala il 12 febbraio suonerà per la prima volta in assoluto l'Orchestra del mare che utilizza esclusivamente strumenti ricavati dai legni dei barconi di migranti naufragati e realizzati dai detenuti del carcere milanese di Opera e di quello napoletano di Secondigliano.

Il ricavato del concerto a cui partecipano artisti d'eccezione come i violoncellisti Mario Brunello e Giovanni Sollima, il violinista francese Gilles Apap, ma anche Mimmo Paladino che ha offerto come scenografia la sua installazione ‘I dormienti’ e Paolo Rumiz che ha scritto appositamente un testo, andrà al progetto Metamorfosi che la fondazione Casa dello spirito e delle arti porta avanti con il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. Serviranno quindi a finanziare i laboratori dei detenuti, non solo quelli di liuteria ma anche quelli di Rebibbia e Monza dove vengono realizzati con i legni dei barconi anche croci e oggetti sacri.

 A esibirsi saranno oltre a Brunello, Sollima e Apap anche musicisti dell'accademia dell'Annunciata diretta da Riccardo Doni. Il programma spazia dal concerto branderburghese n.3 di Bach a Violoncello vibrez, brano per due violoncelli composto da Sollima.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro