Quotidiano Nazionale logo
20 ago 2020

"Voglio dare un segnale di speranza": Bolle riporta la danza a Milano

Tra live e teleschermo (per ragioni di sicurezza) torna dall’11 al 13 settembre la kermesse “On Dance ”

elisa guzzo vaccarino
Cultura
featured image
Roberto Bolle a Milano

Milano, 20 agosto 2020 - Rinunciare, cancellare, rinviare: sembrava questa la sorte della danza fino al maggio scorso. Poi, a poco a poco, si è ripreso a calcare la scena, magari per un singolo spettatore alla volta, come a Bolzano Danza, e anche in coppia, rigorosamente di ballerini congiunti, in tanti gala di musica e danza che hanno rallegrato le platee all’aperto. Ora gli artisti di prua del balletto italiano danno il là al pubblico e ai colleghi dei nostri teatri, dalla Scala all’Opera di Roma all’Aterballetto al Massimo di Palermo con il nuovo direttore Bombana, formato alla Scala, subito autore dell’emblematico “Repar-Tänze”, esibendosi come fari di coraggio. 

In luglio è stata Eleonora Abbagnato al Festival di Nervi; in agosto Alessandra Ferri al festival Armonie d’arte di Scolacium in Calabria; e il mese prossimo, per la gioia dei tanti fan e dei giovani che praticano ogni gioiosa disciplina di ballo, ecco infine Roberto Bolle a Milano. Il suo “On dance” arriva a movimentare la città dall’11 al 13 settembre in forma sicura, tra live e teleschermo, con un momento clou sabato 12 quando sarà trasmesso dalle Gallerie d’Italia un grande show, protagonista Bolle, circondato da ballerini di tango, swing, danza classica. «Voglio dare un segnale di speranza» - spiega Roberto - con la sua positività inalterata dal lockdown.

«La comunità danzante, anzi, nel frattempo - sostiene - si è persino allargata»; infatti è diventata del tutto transnazionale, superando barriere di tempo e spazio, inventando coreografie per le piattaforme come Zoom, in grado di unire ciò che era separato dall’obbligo di distanziamento. Non mancano nel programma 2020 di “On Dance” le open class gratuite con maestri di ogni tecnica e stile, sulla scorta delle dirette a cui tutto il mondo della danza si è abituato per continuare a viverla da casa, con un training instancabile, giorno dopo giorno, immancabilmente. 
Flamenco, danza contemporanea, balletto, musical: un fitto calendario di opportunità di studio sarà messo in atto quotidianamente dalle 9 alle 22 presso la Galvanotecnica Bugatti, in via Bugatti 7, per rendere vitale e partecipato questo weekend di ripartenza, anima e corpo. È necessario ovviamente iscriversi, da oggi. La domenica in chiusura ballo collettivo al Castello Sforzesco, dress code bianco, condividendo una coreografia da imparare preventivamente in rete sui social media. Evento a numero chiuso, su prenotazione, da rivedere poi nel web su tutti i siti di “On dance”. (www.ondance.it). 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?