Quotidiano Nazionale logo
13 feb 2022

Covid, verso l’anniversario con numeri da zona bianca

Tra una settimana saranno passati due anni dalla notte di Codogno. Terapie intensive già sotto il limite

Sanitari con i nomi scritti sulle tute per farsi riconoscere dai pazienti
Sanitari con i nomi scritti sulle tute per farsi riconoscere dai pazienti

Manca una settimana al secondo anniversario del primo tampone positivo a Codogno, della notte in cui iniziò l’incubo pandemico per la Lombardia (e anche per il resto d’Italia e dell’Occidente, che in quei primi giorni tendevano a circoscriverlo come un problema lombardo), e si concretizza la speranza d’arrivarci almeno con numeri da zona bianca, visto che l’attuale sistema semaforico prevede che le regioni rimangano sotto la soglia per due settimane prima di cambiare colore. Sempre che il sistema attuale resista così a lungo al pressing delle Regioni, che da settimane chiedono al Governo di abolirlo, mantenendo al massimo la zona rossa. In ogni caso, da venerdì l’occupazione Covid delle terapie intensive in Lombardia è sotto il limite della zona bianca, anche se nel monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità (che però si basa sui dati del giorno prima) figurava ancora al 10,1%, uno 0,1% sopra l’asticella: l’altroieri i ricoverati in rianimazione positivi al coronavirus erano già scesi a 174, ieri erano 173, pari al 9,6% dei 1.810 letti a disposizione. Ma anche l’occupazione dei letti d’area medica sembra aver imboccato la discesa libera: ieri i ricoverati Corona erano 2.048, pari al 19,6% dei 10.457 posti, da mercoledì sono diminuiti di oltre un centinaio al giorno e così la soglia del “bianco“ (il 15%) si avvicina anche per questo parametro, benché ne basti uno sotto controllo per due settimane a passare di zona. Quanto al terzo indicatore decisivo nell’attuale sistema a colori, l’incidenza mandata fuori controllo dalla variante Omicron è ancora lontana dal limite di 50 (il cui superamento è condizione necessaria ma non sufficiente per far scattare misure più severe, per il cambio di zona occorre che anche i due parametri dei ricoveri sforino le rispettive soglie), ma da tre settimane la Lombardia è sotto la media nazionale e al monitoraggio di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?