RUBEN
Cronaca

Uso dei social Più doveri negli uffici pubblici

Ruben

Razzante*

Il diritto del web e dei social non è fatto solo di norme giuridiche, ma anche di codici deontologici che prescrivono regole ben precise per molte categorie di professionisti e lavoratori. Quando si pubblicano contenuti in Rete bisogna attenersi a precisi canoni di comportamento per evitare di danneggiare l’immagine di una categoria o di ledere i diritti delle persone. Ambito molto delicato è quello delle pubbliche amministrazioni, perché i dipendenti pubblici sono chiamati ad erogare servizi ai cittadini rispettando doveri di imparzialità ed efficienza. Un uso improprio e scorretto dei profili social da parte loro equivarrebbe a tradire la fiducia dei cittadini e rischierebbe di compromettere il decoro e il buon funzionamento degli uffici. Il nuovo Codice di comportamento per i dipendenti pubblici, approvato due mesi fa dal Consiglio dei ministri su proposta del Ministro della pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, vuole proprio scongiurare tali pericoli. <Vietato ledere l’immagine e il decoro della pubblica amministrazione sulle piattaforme tecnologiche e sui social network e stop a discriminazioni basate su genere, nazionalità, origine etnica, lingua, religione o credo, convinzioni personali o politiche, appartenenza a una minoranza nazionale, disabilità, condizioni sociali o di salute o di fragilità, età e orientamento sessuale>, si legge nel testo. Nei dettagli, <il dipendente è tenuto ad astenersi da qualsiasi intervento o commento che possa nuocere al prestigio, al decoro o all’immagine dell’amministrazione di appartenenza o della pubblica amministrazione in generale>. Ma non basta che un dipendente pubblico si autodisciplini e selezioni accuratamente i contenuti da postare. Egli deve anche vigilare su quello che altri pubblicano sul suo profilo. Infatti, le opinioni espresse da terzi possono essere attribuite erroneamente all’amministrazione di appartenenza.

*Docente di Diritto dell’informazione all’Università Cattolica

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro