Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 feb 2022

Un’aiuola diventa giardino e simbolo di rinascita

L’iniziativa di un gruppo di genitori dell’istituto comprensivo Cadorna. Sabato si pianteranno bulbi e fiori

22 feb 2022
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola
Arianna Ravagli, una delle mamme impegnate per la nuova aiuola

Un piccolo giardino "condiviso" spunterà nelle aiuole di via Ricciarelli, con il supporto di Italia Nostra. L’idea originaria è nata la scorsa estate da un gruppo di genitori con figli che studiano nel vicino istituto comprensivo “Luigi Cadorna“ di via Dolci, dove sorge una scuola dell’infanzia e una primaria. Per anni mamme e bambini sono stati costretti a zigzagare lungo il marciapiede fra le macchine e i rifiuti abbandonati. "Sembrava una discarica ed era una sofferenza passarci a fianco: era come abituare i nostri bambini al degrado sin da piccoli. Per fortuna poi il Comune ha vietato il parcheggio fra le aiuole, la situazione è migliorata e da lì ci è venuto in mente di trasformare questo luogo in un giardino condiviso a disposizione di tutto il quartiere. Come prima cosa ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo pulito l’area da ogni rifiuto", spiega Arianna Ravagli, madre di due alunni della scuola primaria. Dopo aver ottenuto il permesso comunale di gestire lo spazio pubblico, i genitori hanno chiesto il supporto tecnico di Italia Nostra che mette a disposizione da anni un "giardiniere condotto": in pratica un operatore esperto e dotato di attrezzature specifiche a servizio di cittadini o associazioni che vogliano realizzare uno spazio verde collettivo. Il giardiniere condotto ha il volto di Manuel Bellarosa, capo giardiniere dell’Orto Botanico di Brera: "Dopo aver preparato il terreno, pianteremo dei bulbi di fiori, semineremo e trapianteremo delle piccole piante", annuncia. "Inizieremo a farlo da sabato prossimo coinvolgendo altre famiglie della zona di tutte le etnie e ci daranno una mano questa volta anche i bambini", annuncia Ravagli. "Occuparsi dell’ambiente fa crescere la cultura civica ed è bello poterlo fare tutti insieme", chiosa Silvio Anderloni, direttore del Centro per la Forestazione Urbana di Bosco in Città, gestito da Italia Nostra. A.L. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?