Quotidiano Nazionale logo
24 mar 2022

Una nuova giustizia digitale per i cittadini

ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

Una delle voci più importanti del Pnrr è quella della digitalizzazione, applicata a tutti gli ambiti della vita sociale ed economica. Uno dei più delicati è la giustizia, che continua a mostrare criticità e nodi da sciogliere. L’obiettivo delle azioni pianificate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, in sintonia con l’Europa, è quello di incrementare la produttività degli uffici giudiziari abbattendo la durata media dei processi civili di oltre il 40 per cento e dei processi penali di circa il 25 per cento. Per raggiungere questo scopo il Pnrr ha individuato una linea di intervento ad hoc che riguarda la digitalizzazione e che prevede investimenti per 134 milioni nella trasformazione digitale, attraverso la digitalizzazione dei fascicoli e l’adozione di strumenti avanzati di analisi dei dati. La pubblica amministrazione deve diventare un affidabile “alleato” di cittadini e imprese grazie a un programma di riforma in cui il capitolo giustizia riveste un ruolo centrale (riforma strutturale del processo civile, penale e dell’organizzazione della giustizia). L’azione di riforma sarà accompagnata da alcuni interventi di supporto. In primo luogo, gli investimenti di trasformazione digitale: la digitalizzazione dei fascicoli giudiziari e l’adozione di strumenti avanzati di analisi dati (interventi inclusi). Il processo di dematerializzazione di 10 milioni di documenti dovrebbe concludersi entro il 2026, data fatidica sul versante della piena attuazione dei progetti del Pnrr. Verranno digitalizzati i fascicoli giudiziari ibridi e cartacei iscritti negli ultimi dieci anni, dei processi civili di merito, di primo e di secondo grado, dei Tribunali e delle Corti d’Appello presenti sull’intero territorio nazionale (esclusi gli atti di ruolo generale degli affari di volontaria giurisdizione), nonché dei processi di legittimità della Corte Suprema di Cassazione.

* Docente

Diritto dell’informazione

Università Cattolica Milano

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?