Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 apr 2022

Un anno di ambulatorio Covid meno di uno su 5 in ospedale

Lo studio del San Raffaele su 660 pazienti del suo hot spot tra 2020 e 2021. La responsabile: abbiamo creato un luogo in cui si collabora coi medici di base

30 apr 2022

Se n’è tornato a parlare nell’ultima settimana, dopo lo “sdoganamento” della prescrizione anche da parte dei medici di base della pillola antivirale Paxlovid destinata al trattamento precoce di persone infettate dal coronavirus che per le altre malattie di cui soffrono sono a più alto rischio di sviluppare la malattia in forma severa. Ma non si limita certo a questo farmaco, che in Italia è disponibile da meno di due mesi, la presa in carico preventiva delle persone a rischio dopo un tampone positivo: già dall’autunno del 2020, all’inizio della seconda ondata pandemica, a Milano sono stati creati, in collegamento con ospedali, alcuni tra i primi ambulatori hot spot Covid in Italia, per offrire assistenza specialistica e terapie adeguate, domiciliari o ambulatoriali, ai "paucisintomatici" ed evitare di ricoverarli senza necessità in ospedali che particolarmente durante le ultime due ondate pre-vaccinazioni di massa sono stati sovraffollati anche da persone che potevano essere curate a casa. Uno di questi primi servizi è stato aperto al San Raffaele, e ora i medici che ci hanno lavorato per un anno e mezzo hanno pubblicato, sulla rivista scientifica Frontiers in Medicine, uno studio in cui riportano la loro esperienza di gestione ambulatoriale dei pazienti Covid con un approccio innovativo di cura. Che ha incluso lo sviluppo di un metodo basato sulle evidenze di classificazione dei pazienti in gruppi di rischio di progressione della malattia, per condividerlo con i medici di base. Dei pazienti coinvolti nello studio, 660 persone valutate dall’hot spot del San Raffaele in un anno e un mese (da ottobre 2020 a novembre 2021), il 70% vi era stato inviato dal suo mutualista, il 21% dal pronto soccorso, il 9% da altri specialisti. Solo il 18% degli utenti è stato poi mandato in pronto soccorso e ricoverato; gli altri sono stati gestiti dall’ambulatorio (235 con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?