MILANO

Era capace di intendere e di volere al momento dei fatti Dobrev Damian Borisov, 23enne di origini bulgare a processo per l’omicidio della 92enne Carla Quattri Bossi, anziana che venne trovata morta il 5 gennaio del 2020 in una cascina-agriturismo nel quartiere Gratosoglio, periferia milanese. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica, depositata dall’esperto nominato dalla Corte d’Assise milanese, che ha accertato, ad ogni modo, un disturbo psichico di cui soffre il giovane, oltre al consumo di cocaina che faceva in quel periodo e alla conseguente difficoltà di controllare gli impulsi. La Corte, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, a marzo aveva affidato l’incarico per l’accertamento allo psichiatra Franco Martelli, accogliendo l’istanza del difensore, l’avvocato Angelo Morreale.