Frode fiscale da 10 milioni di euro, arrestato un imprenditore: così riciclava i soldi tra case di lusso, criptovalute e feste

Milano, la Guardia di Finanza scopre un maxi giro di fatture false e società fittizie: i capitali venivano immessi nell’economia legale anche attraverso prestanomi all’estero

Le indagini della Gdf hanno portato all'arresto di un imprenditore per una maxi frode fiscale
Le indagini della Gdf hanno portato all'arresto di un imprenditore per una maxi frode fiscale

Milano – I finanzieri del Comando Provinciale di Milano, su delega della Procura, hanno arrestato un imprenditore indagato per frode fiscale e autoriciclaggio e sottoposto a sequestro preventivo finalizzato alla confisca, beni mobili e disponibilità finanziarie per circa 10 milioni di euro.

Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, hanno permesso di ricostruire le attività illecite dell’imprenditore che, tramite una serie di prestanomi e società compiacenti, tutte riconducibili a lui, avrebbe riciclato, anche in territorio estero, i proventi di numerose frodi fiscali.

In particolare, è stato accertato un giro di false fatturazioni per circa 10 milioni di euro che l’indagato avrebbe complessivamente reimpiegato nel circuito dell’economia legale attraverso diverse operazioni finanziarie, tra le quali l’acquisto di criptovalute e di prestigiose proprietà immobiliari, poi utilizzate per l’organizzazione di eventi e feste.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro