Trasporti, mafie, microcriminalità. Il prefetto incontra ventotto sindaci. Gaggiano, sul tavolo le criticità: la promessa di Sgaraglia, supporto ai Comuni

Ventotto sindaci del Sud Milano si sono incontrati con il prefetto di Milano per discutere di temi cruciali come agricoltura, mobilità e criminalità. Si è parlato di migliorare le risorse e la sicurezza nei territori.

Ventotto sindaci del Sud Milano, del territorio Abbiatense e del Magentino hanno accolto ieri il prefetto di Milano Claudio Sgaraglia. Tanti i temi affrontati dai sindaci della zona che conta oltre 350mila persone. Una realtà in prevalenza agricola, come ha sottolineato Sergio Perfetti, sindaco di Gaggiano, dove si è tenuto l’incontro. "Solo nella nostra città ci sono 30 aziende rurali - ha illustrato il primo cittadino -. Possiamo vantarci di essere il principale polmone verde agricolo della Città metropolitana e vogliamo conservare questa caratteristica, preservando il parco del Ticino, il Parco Sud, ma anche valorizzando le 1500 imprese, di cui il 15% nel settore industriale".

Si è parlato di eccellenze, ma anche di criticità. Il primo tema affrontato è stato quello della mobilità, con le pesanti difficoltà per i pendolari, studenti e lavoratori, per raggiungere Milano. "I treni della linea S9 - ha proseguito Perfetti - sono spesso causa di disagi e soppressione di corse, senza contare i mezzi vecchi che creano pessime condizioni di viaggio. I cittadini sono esasperati". Altro tema: criminalità e mafie. "Ormai è accertata la presenza di soggetti legati alle mafie che operano sui nostri territori - ancora il sindaco di Gaggiano - e lo si evince anche dai beni confiscati. Chiediamo che siano integrati i numeri delle forze dell’ordine, da affiancare all’Unione Fontanili, formata da 35 agenti su 9 Comuni, per affrontare meglio le problematiche legate alla presenza di attività illecite. Consideriamo inoltre utili - ha aggiunto Perfetti - le fotocamere per combattere i reati ambientali e per affrontare la microcriminalità". I sindaci hanno inoltre posto l’attenzione sulla necessità di promuovere unioni tra i piccoli Comuni, affinché si possano organizzare meglio le risorse. Il prefetto, sul tema trasporti, ha assicurato la creazione di un Tavolo di lavoro. Lo stesso verrà fatto per affrontare i reati ambientali, con il coordinamento tra forze dell’ordine. Il prefetto ha inoltre dato disponibilità per supportare i Comuni, attraverso gli uffici competenti, nelle attività giuridico-amministrative e assistendoli per i progetti finanziati dal Pnrr, nell’ambito del tavolo di monitoraggio istituito proprio dalla Prefettura. F.G.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro