di Massimiliano Mingoia Si può dare di più e il Comune sta provando a farlo. Parliamo del supporto organizzativo e logistico per la campagna di vaccinazioni anti-Covid gestita in primis dalla Regione Lombardia. Ieri in commissione la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alle Politiche sociali Gabriele Rabaiotti hanno fatto il punto sulle azioni messe in campo dal Comune dopo la lettera in cui il sindaco Giuseppe Sala ha espresso la disponibilità alla Regione di un...

di Massimiliano Mingoia

Si può dare di più e il Comune sta provando a farlo. Parliamo del supporto organizzativo e logistico per la campagna di vaccinazioni anti-Covid gestita in primis dalla Regione Lombardia. Ieri in commissione la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alle Politiche sociali Gabriele Rabaiotti hanno fatto il punto sulle azioni messe in campo dal Comune dopo la lettera in cui il sindaco Giuseppe Sala ha espresso la disponibilità alla Regione di un ulteriore sforzo da parte di Palazzo Marino. Rabaiotti sottolinea che il servizio di Taxi Solidale messo in campo grazie alla Fondazione Venosta è ormai decollato: 600 telefonate al giorno nella settimana appena trascorsa allo 020202 (il centralino comunale) da parte di anziani che chiedono di poter usare gratuitamente le auto bianche per andare a farsi vaccinare e poi tornare a casa.

Ma non solo. L’assessore spiega che "gli operatori dello 020202 hanno iniziato a chiamare gli over 80enni non ancora vaccinati per capire chi ha difficoltà a raggiungere le sedi delle vaccinazioni e, se così è, per offrir loro il servizio del Taxi solidale. Tramite il centralino comunale verifichiamo anche se ci sono anziani che non possono muoversi dalla propria casa e attiviamo il percorso Usca per le vaccinazioni a domicilio". Non è finita. Rabaiotti, subito dopo, ricorda che "sempre nella lettera scritta dal sindaco alla Regione, viene espressa la volontà di mettere a disposizione alcuni Cam e Centri anziani del Comune, che in questo momento sono chiusi perché l’attività è sospesa causa Covid, per renderli dei micro-centri vaccinali, in particolare nelle zone con maggior popolazione over 80, cioè a est Lambrate, Argonne, Forlanini e a ovest Baggio, Lorenteggio e Barona". Sul fronte dei centri vaccinali, la Scavuzzo assicura che "oltre ai drive through già attivi per i tamponi e, in parte, per i vaccini, sarà potenziata l’operatività del centro per le vaccinazioni all’interno della Fabbrica del Vapore".

L’opposizione, intanto, propone di allargare il ruolo del Comune nella campagna anti-Covid. Il capogruppo di FI Fabrizio De Pasquale invita la Giunta a "mettere a disposizione altri immobili comunali e a coinvolgere le farmacie municipali". Un altro azzurro, Alessandro De Chirico, invita a "sottoscrivere il protocollo tra Regione e associazioni imprenditoriali per vaccinare tutti i dipendenti comunali".