Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 lug 2022

"Superbonus da prorogare: in ballo mille palazzi Via Bolla libera a ottobre. Non avvierò le caldaie"

Ippolito, direttore di Aler: in agenda lavori per 800 milioni, il Governo non vanifichi tutto. E sugli sgomberi al Gallaratese: 15 ottobre data-limite

12 lug 2022
giambattista
Cronaca

Giambattista Anastasio I prossimi mesi potrebbero rivelarsi decisivi per avviare quell’opera di rilancio dei caseggiati popolari di Milano e hinterland che ci si attende da tempo. Il riferimento è agli interventi realizzabili attraverso il superbonus 110% che, solo per quanto riguarda Aler, coinvolgerebbero oltre mille edifici nonché agli interventi per il risanamento dei palazzi di via Bolla. Due progetti che possono entrambi definirsi "macro", per motivi diversi: nel primo caso conta la numerosità degli stabili coinvolti, nel secondo rileva l’urgenza di risolvere problemi che negli ultimi due decenni si sono pericolosamente incancreniti. L’uso del condizionale, ad oggi, resta d’obbligo su ambo i fronti. E per un fatto di tempistiche: in un caso servono tempi più ampi, nell’altro tempi celeri. Questa è la convinzione di Domenico Ippolito, direttore generale di Aler Milano. Ippolito, perché la preoccupa lo stato del dibattito sul superbonus 110%? "Perché Aler Milano è, a livello nazionale, l’azienda di edilizia pubblica che ha messo in preventivo il maggior numero di interventi da realizzare attraverso il partenariato pubblico-privato. Parliamo di lavori che valgono 800 milioni di euro e coinvolgono oltre mille edifici tra Milano e hinterland. Aler cede il credito, il privato fa i lavori. Ma perché tutto possa andare a dama, occorre che il Governo proroghi il superbonus fino al 2026, armonizzandone la scadenza con quella del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). È questo il punto. La proroga è stata chiesta ma ancora non sappiamo se ci sarà. Il rischio è che questo nostro impegno, titanico, sia vanificato da una tempistica stringente". Qualora non ci fosse alcuna proroga, a quanta parte di quegli 800 milioni di euro di interventi bisognerà rinunciare? "Dovremmo rinunciare, indicativamente, ad almeno il 70% dei progetti. Quelli partiti o in partenza entro il 31 dicembre 2022 non rischiano, tutti gli altri sì". Il superbonus è stato varato dal ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?